Stampa E-mail
|




Per vivere in armonia con se stessi e smettere di fare del male agli animali

A cura di Mirella Zamboni



Carciofi alla menta


Per questa ricetta semplicissima è necessario avere la pentola a pressione perché la cottura al vapore rende morbidi e teneri i carciofi.

Tempi di preparazione: 30 minuti circa compresa la cottura

Dosi per 4 persone:

Due carciofi a testa

Olio d’oliva

Sale q.b

Una tazzina d’acqua

Foglie di menta


Pulire e tagliare i carciofi a spicchi, mettere un dito d’olio d’oliva nella pentola a pressione, versare alcune foglie di menta tagliate grossolanamente, aggiungere i carciofi, una tazzina d’acqua e le ultime foglie di menta. Salare e chiudere la pentola a pressione.

Cuocere per dieci minuti circa a fuoco lento e i carciofi sono pronti!      


Verdure all’orientale


Questo è un piatto di semplicissima preparazione, saporito e leggero!

Tempi di preparazione: 30 minuti


Dosi per 4 persone:

Due carote

Due o tre zucchine

Un pezzo di broccolo media grandezza

Una mela verde

Una cipolla bianca dolce o cipolla rossa di Tropea

Olio d’oliva

Un bicchiere di vino bianco

Zenzero in polvere

Sale q.b.

Per la cottura di questo piatto è necessario avere la carta stagnola perché le verdure verranno cotte in un cartoccio.


Pulire le verdure e sbollentarle velocemente per cinque minuti, mantenendo la croccantezza. Mentre si sbollentano le verdure (non più di tre minuti per carote e zucchine, qualche minuto in più per il broccolo) affettare la mela con la buccia e la cipolla.

Tagliare le carote e zucchine prima a metà e poi a spicchi tipo “julienne” non troppo sottili.

In una teglia dai bordi alti posizionare la carta stagnola per il cartoccio, versare un po’ d’olio d’oliva, sistemare le verdure cotte partendo dal broccolo e sopra quelle crude, salare.

Aggiungere il bicchiere di vino bianco, spolverizzare lo zenzero e chiudere bene il cartoccio.

Infornare per quindici minuti circa a 150 gradi.


Frittelline con porri e mela

Queste frittelle sono ottime con diverse verdure: zucchine, carciofi…la ricetta di oggi prevede i porri e la mela verde.

Tempi di preparazione: 30 minuti circa


Dosi per 4 persone:

Una confezione da 500 grammi di farina di ceci

Due porri

Una mela verde

Olio d’oliva e olio di semi per friggere

Acqua e sale q.b.


Lavare i porri e affettarli sottilmente, sbucciare la mela e tagliarla a pezzettini.

In una padella antiaderente versare un filo d’olio d’oliva e far dorare i porri con la mela. Salare leggermente.

In una terrina versare metà farina di ceci, versare un po’ d’olio d’oliva, acqua, sale e mescolare fino a quando risulterà un impasto cremoso privo di grumi.

Versare nell’impasto le verdure dorate e mescolare accuratamente, in un piatto versare un po’ di farina e con le mani iniziare al lavorare l’impasto formando delle polpettine.

Friggere per cinque minuti nell’olio di semi ben caldo. Asciugare le frittelline e salare ancora leggermente.


Polentine con lenticchie


Questo piatto molto semplice può essere servito come antipasto o come secondo.

Tempi di preparazione: le lenticchie vanno cotte a fuoco lento almeno due ore, la polenta è meglio prepararla alcune ore prima per poi “copparla” e servirla come accompagnamento alle lenticchie.


Dosi per 4 persone:

Mezzo chilo di farina da polenta

250 grammi di lenticchie secche

Mezzo scalogno

Alcuni grani di ginepro (a chi piace il sapore)

Tre cucchiai di concentrato di pomodoro

Brodo vegetale

Una foglia di alloro

Olio d’oliva

Sale q.b.

Lenticchie: tritare finemente lo scalogno e metterlo a dorare con un cucchiaio di olio d’oliva in una padella piuttosto alta, versare le lenticchie secche e aggiungere un mestolo di brodo vegetale. Aggiungere i tre cucchiai di concentrato di pomodoro, i grani di ginepro e la foglia d’alloro, coprire con un coperchio  e lasciare cuocere a fuoco lento avendo cura di girare ogni tanto aggiungendo brodo all’occorrenza.

Lasciare cuocere per almeno due ore, verso fine cottura salare , aggiungere ancora del brodo in modo tale da lasciare un delizioso sugo che ben si “sposa” con la polenta.


La polenta va preparata nel modo classico, versata in un contenitore e lasciata raffreddare a temperatura ambiente.

Quando è raffreddata tagliare con un “coppa pasta” e servire con le lenticchie. Se ritenete la polenta troppo fredda scaldarla velocemente in forno, dopo che è stata tagliata.


Belga e radicchio caramellati

Contorno molto semplice e gustoso.

Tempi di preparazione: circa trenta minuti


Dosi per 4 persone:

2 cespi di insalata belga

2  cespi di radicchio

Olio d’oliva

Aceto balsamico

Zucchero di canna

Sale q.b.


Lavare l’insalata, tagliarla per lungo a fette non troppo sottili. Scaldare una padella antiaderente e mettere a cuocere, prima la belga. Quando la belga sarà dorata, giratela in modo da cuocere da ogni lato, versare due cucchiaini di zucchero di canna,un pizzico di sale, una lieve spruzzata di aceto balsamico e un filo d’olio d’oliva, lasciare cuocere ancora due minuti  fino a quando lo zucchero non sarà caramellato e togliere dalla padella. Ripetere lo stesso procedimento con il radicchio. Prima di servire aggiustare di sale.


Asparagi in salsa piccante


Ricetta decisamente semplice.

Tempi di preparazione: 35 minuti circa, compresa la cottura

Dosi per 4 persone:

Otto asparagi a testa

Quattro cucchiai di senape non forte

Olio d’oliva

Succo di limone

Sale q.b.

Pulire della parte più dura gli asparagi lavarli delicatamente sotto l’acqua corrente e metterli a cuocere in una pentola con acqua.

Nel frattempo emulsionare qualche cucchiaio d’olio con alcune gocce di limone e quattro cucchiai di senape dolce. Deve risultare una cremina dorata e fluida. Cuocere gli asparagi facendo attenzione alle punte e controllandoli spesso (non vanno comunque cotti troppo perché risultano molli).

Servire in un piatto di portata con l’emulsione a fianco o in alternativa in una ciotolina per ogni persona.        


Pasta alla crema e punte d’asparagi


Un primo piatto delizioso, semplice e molto saporito.

Tempi di preparazione: circa 45 minuti


Dosi per 4 persone:

Quattro asparagi a persona

Olio d’oliva

Sale q.b.

400 grammi di pasta di grano duro

Scartare le parti più dure e legnose degli asparagi, lavarli, tagliare le punte e conservarle per cuocerle in un secondo momento. In una pentola con acqua leggermente salata mettere a cuocere i gambi per almeno venti minuti. Aggiungere le punte e continuare a far cuocere per circa otto minuti. Scolare il tutto. Tagliare a pezzetti i gambi degli asparagi e frullarli con aggiunta di un filo d’olio d’oliva e due cucchiai di acqua di cottura, fino ad ottenere una crema fluida. In una padella versare la crema di asparagi mentre cuoce la pasta, scolatela direttamente nella padella, per non farla seccare troppo aggiungere qualche cucchiaio di acqua di cottura, incorporate le punte d’asparagi tagliate, aggiustate di sale e… servire ben caldo!


Zucchine in carpione “light”



Ho definito zucchine in carpione “light” perché la ricetta tradizionale prevede il burro, il vino ed una preparazione decisamente più lunga.

Tempi di preparazione: quarantacinque minuti circa e vanno consumate fredde


Dosi per 4 persone:

400 grammi di zucchine piccole

Una cipolla rossa di Tropea

Qualche foglia di salvia

Olio di semi per friggere

Aceto di vino bianco

Sale q.b.

Lavare e tagliare le zucchine sottilmente nel senso della lunghezza e friggerle in abbondante olio di semi con l’aggiunta di foglie di salvia.

Quando sono cotte, scolatele dall’olio, asciugatele con la carta assorbente e salatele. Disponete le zucchine in una terrina, anche in più strati.

Quando avete terminato di cuocere le zucchine fate tagliate la cipolla a julienne e fatele appassire nell’olio rimasto aggiungendo due/tre cucchiai di aceto di vino bianco, fate cuocere qualche minuto a fuoco basso. Versare la “salsa” ben calda sulle zucchine, lasciare riposare in frigorifero per qualche ora prima di consumarle.


Reginette con zucchine, fiori e pinoli

Ci sono tantissime ricette di pasta con le zucchine io propongo questa.

Tempi di preparazione: circa trenta minuti


Dosi per 4 persone:

300 grammi di zucchine piccole con i fiori

Una manciata di pinoli

Olio d’oliva

Uno spicchio d’aglio (facoltativo)

Un mini peperoncino

Lavate le zucchine, togliere delicatamente i fiori, tagliate le zucchine a metà e poi sottilmente nel senso della lunghezza. In una padella mettete lo spicchio d’aglio privato dell’anima e il peperoncino. Dopo che saranno leggermente dorati toglierli e versare le zucchine che devono cuocere per qualche minuto a fuoco vivace. Nel frattempo preparate l’acqua salata per la pasta. Dopo circa dieci minuti di cottura abbassate la fiamma e continuate a cuocere le zucchine salandole e aggiungendo qualche cucchiaio di acqua di cottura. Quando la pasta sarà quasi pronta aggiungete i fiori di zucchina (devono cuocere pochissimo) e la manciata di pinoli precedentemente dorati in padella. Versare la pasta direttamente nella padella, se il sugo rimane troppo asciutto aggiungete ancora un pochino d’acqua per mantecarla, servite ben calda!


Peperoni imbottiti


Tempi di preparazione: un’ora e trenta minuti circa


Dosi per 4 persone:

Quattro peperoni (o due se li servite come antipasto)

Una lattina di polpa di pomodoro

Una manciata di capperi

Olive taggiasche

Due panini raffermi

Qualche foglia di basilico

Olio d’oliva


Lavate bene i peperoni, tagliateli a metà, eliminate i semi interni e disponeteli su una teglia da forno. Versate qualche cucchiata di polpa di pomodoro nelle “barchette” di peperoni, affettate il pane raffermo, eliminate la crosta e tagliate il tutto a dadini, adagiate il pane nei peperoni, versate ancora un po’ di salsa, aggiungete i capperi e le olive, irrorate d’olio d’oliva e mettete a cuocere nel forno a 170 gradi per circa un’ora. Controllate spesso perche se il pane dovesse risultare troppo secco si possono aggiungere dei cucchiai di acqua calda. I peperoni devono risultare croccanti, ma morbidi al contempo, servire ben caldi!


Crema erbette, verza e finocchi


Questa crema è molto semplice da preparare, gustosa e leggera.

Tempi di preparazione: due ore e trenta in pentola normale, con la pentola a pressione 45 minuti ca


Dosi per 4 persone:

1 finocchio grande

300 grammi di erbette o biete

400 grammi di verza

2 patate

Un cucchiaino di concentrato di pomodoro

Olio d’oliva

Sale q.b.


Lavare bene le verdure, tagliarle grossolanamente e versare in una pentola con un filo d’olio, fatele scottare leggermente poi aggiungete un litro d’acqua fredda, per dare un tocco di sapore in più (tutte queste verdure sono tendenzialmente dolci) aggiungere un cucchiaino di concentrato di pomodoro. Lasciate cuocere per circa due ore, aggiungendo acqua se si consuma troppo.

Aggiustate di sale e quando le verdure saranno ben cotte frullatele con il minipimer.

Se il tempo, invece, è poco fate cuocere per circa trenta minuti in pentola a pressione.

Servire con un filo d’olio d’oliva.         


Finocchi stracchinati


Questo è un gioco di parole per definire finocchi gratinati con lo stracchino (di soia), è una ricetta molto semplice e light.

Tempi di preparazione: circa 45 minuti


Dosi per 4 persone:

4 finocchi di media grandezza

500 grammi di stracchino di soia

Sale q.b.


Mondare e lavare bene i finocchi, tagliarli in quattro parti e metterli a cuocere per quindici minuti in abbondante acqua. Quando i finocchi saranno cotti, (non devono disfarsi) scolarli e tagliarli a fette non troppo sottili. Sistemarli in una pirofila da forno e salateli, sopra poi aggiungete fette di stracchino di soia e infornate per 15 min circa.


Scarola alla siciliana

Contorno facilissimo e di gran sapore.

Tempi di preparazione: 20 minuti ca


Dosi per 4 persone:

Un cespo di scarola piuttosto grande

Olive taggiasche denocciolate

Capperi

Olio d’oliva

Sale q.b.


Lavare in abbondante acqua la scarola, tagliarla prima a metà, poi a strisce non troppo sottili. Versare un po’ d’olio d’oliva in una padella antiaderente piuttosto ampia, versare la scarola e fare cuocere un po’ fino a quando avrà perso tutta l’acqua., aggiungere il sale, i capperi e le olive. Mescolare bene e cuocere per circa dieci minuti fino a quando la scarola sarà pronta e da gustare.


Tris di verdure cotte


Contorno semplice e gustoso.

Tempi di preparazione: 45 minuti circa


Dosi per 4 persone:

4 zucchine

2 peperoni rossi o gialli (come preferite)

4 carote

Olio d’oliva

Aceto balsamico

Un pizzico di zucchero

Sale q.b.


Mondare e lavare bene le verdure.

Tagliare le zucchine e le carote a metà e metterle a cuocere per circa dieci minuti in una pentola d’ acqua.

Nel frattempo tagliare a striscioline i peperoni e rosolarli in una padella antiaderente con un filo d’olio d’oliva, lasciare cuocere. Quando le zucchine e le carote saranno pronte tagliarle ulteriormente e versatele nella padella con i peperoni. Aggiungere un cucchiaino di aceto balsamico, un pizzico di zucchero (per l’effetto caramellato) e salare.

Mescolare bene e cuocere a fuoco vivace per circa cinque minuti e le verdure saranno pronte da servire!


Orecchiette alla crema di cavolfiori


Ricetta semplice e saporita.

Tempi di preparazione: circa quarantacinque minuti


Dosi per 4 persone:

400 grammi di orecchiette

6 /8 cime di cavolfiore

Un pezzetto di peperoncino

Olio d’oliva

Sale q.b.

Pulite e lavate le cimette di cavolfiore e mettetele a bollire in una pentola con acqua salata. Lasciate cuocere e quando i cavolfiori vi sembreranno cotti togliete con un mestolo un po’ d’acqua, aggiungete il peperoncino e versate le orecchiette.

Lasciate cuocere mescolando di tanto in tanto. I cavolfiori dovrebbero quasi sciogliersi creando così una crema con le orecchiette. Prima di servire condire con un filo d’olio d’oliva.


Finocchi gratinati


Ricetta decisamente semplice.

Tempi di preparazione: 45 minuti circa


Dosi per 4 persone:

Quattro finocchi

Uno spicchio d’aglio (facoltativo)

Olio d’oliva

Mollica di pane
Prezzemolo
Sale q.b


Lavate e tagliate i finocchi a spicchi sottili e metteteli a cuocere a fuoco basso per almeno trenta minuti in una padella antiaderente con un filo d’olio, senza aggiunta di acqua o brodo vegetale, avendo cura di mescolare spesso e di tenere la pentola chiusa da un coperchio.

Quando i finocchi saranno cotti poneteli in una pirofila e cospargeteli con un trito di mollica di pane, prezzemolo e un filo d’olio d’oliva. Gratinare in forno ventilato a 170 gradi per circa dieci/quindici minuti.


Pere al vino


Dolce a base di frutta adatto per le sere d’inverno molto fredde…

Ricetta semplice e gustosissima.

Tempi di preparazione: circa quaranta minuti compresa la cottura


Dosi per 4 persone:

8 pere “madernasse” o sei di altro tipo

Zucchero di canna

Cannella

Chiodi di garofano

Vino rosso


Lavate e tagliate a pezzi piuttosto grossi le pere, mettetele in una pirofila, copritele con due/tre cucchiai di zucchero di canna, un pizzico di cannella e uno/due chiodi di garofano (qui si va un po’ a gusti personali, chi ama la cannella può aggiungerne o viceversa). Aggiungere due bicchieri di vino rosso da tavola e infornare per 160 gradi per circa trenta minuti.

Ogni tanto controllate la cottura e che il vino non si asciughi troppo, se vi pare che il vino si restringa da risultare sciropposo aggiungete due cucchiai di acqua.

Le pere quando saranno cotte diventeranno di un bel color bruno e avranno un aroma incantevole che ricorda molto il “vin brulè”!


Zucca gratinata


Ottimo antipasto fresco e veloce da servire dentro a gambi di sedano.

Tempi di preparazione: 10 minuti di preparazione; 20 minuti di cottura al forno


Dosi per 4 persone:

1 kg di zucca sbucciata e privata dei semi

4 cucchiai di farina

50 grammi d’olio d’oliva

Cannella in polvere, noce moscata e sale q.b.


Pulire bene la zucca, tagliarla a dadini e passiamola nella farina. Ungere il fondo e i bordi di una teglia e versiamo la zucca. Una spolverata di noce moscata grattugiata, cannella e sale e copriamo il tutto con l’olio rimasto, cuociamo in forno già caldo a 180 gradi fino a quando si sarà formata la crosta dorata.


Verza dolce all’uvetta


Un contorno semplicissimo, veloce e gustoso.

Tempi di preparazione: circa trenta minuti


Dosi per 4 persone:

Una verza dolce

Una grossa manciata di uvetta

Olio d’oliva

Aceto

Sale q.b.


Lavare in abbondante acqua la verza, tagliatela a quadretti e mettetela a cuocere in una padella antiaderente leggermente riscaldata.

Quando la verza inizia a colorire aggiungere un po’d’aceto e l’uvetta.

Coprire il tegame con un coperchio e cuocere a fuoco lento per circa venti minuti. A fine cottura condire con un po’ d’olio d’oliva e aggiustare di sale.

Può essere gustata sia calda che fredda.


Zuppa campagnola


Una “piccola” variante alla solita zuppa di verdure.

Tempi di preparazione: con la pentola a pressione circa 45 minuti a cottura lenta, su fuoco dolce anche quattro ore


Dosi per 4 persone:

1 minestrone surgelato o in alternativa fresco come si trova nei mercati

2 patate

Due cucchiai di salsa di pomodoro

Alcune foglie di basilico

Olio d’oliva

Sale q.b.

Sbucciate le patate e tagliarle a pezzi grossolani, versare un filo d’olio d’oliva nella pentola e mettere a rosolare le patate, aggiungere il resto del minestrone avendo cura di mescolare bene, dopo qualche minuto aggiungere la salsa di pomodoro e le foglie di basilico spezzettate, continuare a cuocere senz’acqua e quando le verdure saranno leggermente dorate aggiungere acqua e sale q.b.

Se avete tempo lasciate cuocere a fuoco lento per tre, quattro ore… se il tempo scarseggia usate la pentola a pressione e in circa quarantacinque minuti avrete un’ottima zuppa fumante!


Focaccia rustica


Ricetta molto semplice, un po’ lunga come tempi di preparazione compresa la lievitazione.

Tempi di preparazione: 20 minuti per l’impasto; Circa due ore per la lievitazione;

20 minuti per la cottura in forno


Dosi per 4 persone:

Per l’impasto:

400 grammi di farina “O”

20 grammi di lievito di birra fresco

Olio d’0liva q.b.

Sale

Una patata cotta

Per la farcitura:

Due bicchieri di salsa di pomodoro

Olive nere


Setacciare su un piano di lavoro la farina con un pizzico di sale, formate un mucchietto. Nel frattempo in 150 ml d’acqua tiepida fate sciogliere il lievito di birra.

Prendete la patata precedentemente bollita e passatela nel tritatutto e versatela sul monticello di farina, praticate una cavità centrale e versate lentamente l’acqua con il lievito, aggiungete un po’ d’olio d’oliva e lavorate aggiungendo l’acqua quanta ne assorbe la farina.  Continuate ad amalgamare e lavorare con le mani l’impasto finché  non sarà morbido ed “elastico”.

Modellate l’impasto a palla, sistematelo su un piatto infarinato e copritelo con un telo.

Sistemate il piatto in un luogo tiepido e lasciate lievitare per almeno due ore.

Quando l’impasto avrà terminato la lievitazione accendete il forno a 220-240 gradi (modalità ventilato) e nel frattempo iniziate a stendere l’impasto usando un pochino di farina. Su una teglia versate uniformemente un pochino d’olio d’oliva. Ponete la pasta tirata e continuate a lavorarla con le mane mentre la stendete fino ad ottenere lo spessore che più vi piace. Salate, versate un pochino di salsa  in modo omogeneo. Salate, condite con un po’ d’olio d’oliva, aggiungete le olive ed infornate per circa 20 minuti.

Sfornate e gustatela ben calda!



|
 

Seguici su:

Seguici su Facebook Seguici su Twitter Seguici su YouTube