Indigenous Peoples

Identità culturale dei popoli dell'Africa occidentale

Stampa E-mail
17 Dicembre 2020
Palazzo del regno di Savalou
Palazzo del regno di Savalou

Storia della fondazione di alcuni regni del Benin


Dapprima protettorato francese nel 1884, la Repubblica del Benin (ex Dahomey) divenne poi colonia francese alla fine del XIX secolo, fino al 1960, anno in cui ottenne l'indipendenza.

Prima di vedere i suoi confini completamente delimitati, il territorio dell'attuale Benin era una regione dell'Africa occidentale, situata nel Golfo di Guinea dove c'erano diversi regni sparsi, centrati su città-stato.

Allo stesso modo, il Benin era la sede di antiche brillanti civiltà costruite attorno a questi regni. Il 1 ° agosto 1960, il Benin divenne indipendente con il nome di Repubblica del Dahomey, prima di assumere nel 1975 il nome attuale di Repubblica del Benin.

Tra i regni più importanti che erano presenti in Benin, abbiamo da un lato il regno di Dahomey (Abomey), il regno di Hogbonou (Porto-Novo) e il regno di Allada nella parte meridionale. , estesa al Centro. E d'altra parte, nella parte settentrionale, i regni di Bariba, con principalmente il regno di Nikki, il regno di Kandi e il regno di Kouandé.

È anche degno di nota menzionare regni meno importanti, ma comunque influenti durante questo periodo. Questi sono il regno yoruba di Ketu e il regno di Savalou.


Colonizzazione e storia dei regni in Benin

Prima dell'arrivo dei coloni, c'erano diversi regni nel territorio di quello che oggi è il Benin. Questi ultimi sono geograficamente situati nella parte meridionale, dominata dal regno di Dahomey e nella parte settentrionale del paese, dai regni di Bariba.

I principali regni situati nel sud: Allada, Abomey e Porto-Novo furono creati dai Fons, rispettivamente nel XVI secolo, nel 1625 e nel XVII secolo. Questi regni erano ben strutturati e dotati di centri urbani funzionali.

Durante il XVII secolo, i regni meridionali riuscirono a sviluppare un commercio locale, incentrato, tra l'altro, sulla tratta degli schiavi e sull'agricoltura, in particolare la coltivazione della palma da olio nel 1807, dopo l'abolizione della tratta degli schiavi. .

Questa economia commerciale ha incoraggiato la creazione di postazioni commerciali controllate da francesi, inglesi, portoghesi e danesi.

La parte meridionale e parte del centro del Paese ha seguito le sorti dei popoli del Golfo di Guinea mentre il nord, al confine con il Niger e il Burkina Faso, ha subito quello dei popoli della savana. Così, il regno di Bariba nel nord raggiunse il suo apice nel XVIII secolo e poi dovette affrontare, indebolito dalle divisioni interne, l'espansionismo del regno nigeriano di Ilorin e la colonizzazione francese.


Re Toffa I, uno dei grandi governanti del regno di Hogbonou
Re Toffa I, uno dei grandi governanti del regno di Hogbonou

Il regno di Dahomey (Abomey)

All'inizio del XVI secolo, vari resoconti raccontano che gli Ajas lasciarono la città di Tado, situata sulle rive del Mono in Togo, per stabilirsi a Savè e Allada, a sud dell'attuale Benin.

Nel XVII secolo scoppiò una lite tra i principi del regno di Allada e portò alla formazione del regno di Ajatchè, che sarebbe poi divenuto Hogbonou (Regno di Porto-Novo), a sud-est, e più a nord, da Abomey (considerata la capitale del regno) sotto la guida di Houégbadja (1645-1689).

Grazie alla tratta degli schiavi, il regno di Dahomey diventerà la potenza dominante nella regione grazie al ruolo di intermediario svolto dal regno, guidato dai suoi vari re, con le postazioni commerciali europee sulla costa.

Tuttavia, prima di questa dimensione nota del regno di Dahomey, il regno era limitato solo all'altopiano di Abomey. Il primo re del Dahomey, Houégbadja (1645-1689) stabilì le prime basi giuridiche e i principali principi operativi del regno attraverso le regole di successione, le missioni diplomatiche e politiche dei sovrani e le tipologie di rapporto da mantenere con i regni circostanti .

Dobbiamo le prime estensioni del regno di Abomey al re Agadja (1708-1740); Infatti, nel XVIII secolo il re Agadja estese i confini del Dahomey fino alla costa atlantica conquistando successivamente i regni di Allada e Savi (Ouidah). Grazie a queste preziose conquiste, il regno di Dahomey partecipa ora pienamente e direttamente alla tratta degli schiavi attraverso il porto di Ouidah, capitale del Savi.

Durante questo periodo, il regno di Abomey era allora vassallo del potente impero yoruba di Oyo della vicina Nigeria, al quale pagava un pesante tributo annuale, come la maggior parte dei regni circostanti.

Fu solo nel 1851 che il re Ghézo (1818-1858), che divenne re, grazie a un colpo di stato nel 1818, liberò il regno da questa posizione di vassallo.

Durante questo periodo, il re Ghézo diede altre basi alla ricchezza del suo regno sviluppando in particolare la coltivazione dell'olio di palma per soddisfare la domanda europea e introducendo nuove colture come arachidi, mais. , pomodoro e tabacco nel regno.

Sotto il re Ghezo, il regno di Dahomey era ricco e prospero oltre ad essere temuto. Perché Re Ghézo ha sviluppato un esercito formidabile e spietato: quello delle Amazzoni guerriere del Dahomey.

Dopo la sua morte nel 1858, fu suo figlio Badohoun a prendere il nome del regno di Glèlè, e gli succedette. Regnò dal 1858 al 1889. Re Glèlè durante il suo regno, guidò spedizioni militari, per vendicare la morte del padre, per allargare il regno ma anche per catturare schiavi. Questa politica indebolirà notevolmente il regno e l'interno.

Il 19 maggio 1868 il re Glèlè firmò un trattato con i francesi. Quest'ultimo è soggetto al trasferimento di Cotonou in Francia.

Morì il 29 dicembre 1889 e fu sostituito da suo figlio il principe Kondo che prese il nome del regno di Béhanzin.

Nonostante la feroce resistenza alla Francia da parte del re Béhanzin (1889-1894), il regno perse la sua indipendenza e si sciolse nella colonia francese di Dahomey. Re Béhanzin morì in esilio in Algeria a Blida, di polmonite nel 1906.


Palazzo del regno di Hogbonou
Palazzo del regno di Hogbonou

Il regno di Hogbonou (Porto-Novo)

Come il regno di Abomey, i primi sovrani di Ajatchè, che in seguito divenne Hogbonou, provenivano dalla migrazione Adja-Fon, proveniente dal vicino Togo (Tado) all'inizio del XVI secolo.

Il fondatore del regno di HogbonouTê-Agbanlin sarebbe il maggiore dei fratelli di Medji il più giovane, rimasto ad Allada dopo la morte del padre dopo una violenta disputa, e Dako-Donou, padre del futuro fondatore di Dahomey.

Arrivato ad Adjatchè dopo un lungo viaggio, fu accolto male dagli Yoruba. Infastidito, Tê-Agbanlin è andato poi a cercare gli Zangbéto o "Guardiani della notte", che è uno spirito vudù, responsabile di vegliare sul sonno degli abitanti e scacciare spiriti maligni e ladri. Alla vista di quest'ultimo, secondo la leggenda, gli Yoruba fuggirono. Coloro che rimasero giurarono fedeltà a Tê-Agbanlin, che avrebbe regnato sul regno per 41 anni.

I suoi figli divennero successivamente i principi di questo regno che sarebbe poi diventato Porto-Novo (Porto Nuovo), così chiamato nel 1730 dal portoghese Eucaristo de Campos, in riferimento alla somiglianza che attribuisce alla città di Porto. . Verso la fine del XVIII secolo, i portoghesi istituirono, dal regno di Ajatchè, il regno schiavo di Porto-Novo.

Attaccato alla base del potente regno di Dahomey, il regno di Porto-Novo, iniziò a staccarsi da esso all'inizio del XVIII secolo. Nel 1851, la Francia firmò un trattato commerciale e di amicizia con il re di Porto-Novo. Nel 1883 quest'ultimo, volendo proteggersi dalle mire espansionistiche del re del Dahomey, firmò un trattato di protettorato con la Francia. La rottura con Dahomey era finita. Pochi anni dopo, Porto-Novo fu conquistata dai francesi senza condividerla.


Il regno di Allada

Il mito narra che il fondatore del regno di Allada, come i regni di Hogbonou e Dahomey, fosse originario del regno di Adja de Tado. Il regicidio dell'allora re locale, Adjahouto (che letteralmente significa l'assassino di adja), divenne un fuggitivo che alla fine conquistò l'intero regno di Allada.

Il regno di Allada è stato uno dei primi regni dell'Africa occidentale a entrare in contatto con gli europei. I primi contatti sono stati con i missionari. Questo contatto si concretizzò inoltre nella lingua del regno: "ayizo", che divenne la prima lingua dell'Africa occidentale scritta in un testo con caratteri latini nel 1658.

Il Re Behanzin, uno dei grandi governanti del regno di Dahomey
Il Re Behanzin, uno dei grandi governanti del regno di Dahomey

Insieme al re di Allada, che parlava correntemente il portoghese nel 1670, la maggior parte della popolazione di Allada, gli ayizo parlavano correntemente il portoghese, che era la prima lingua di comunicazione tra europei e nativi. Alla fine del XVII secolo, forti di un buon rapporto con gli europei, diversi ambasciatori del regno erano in Francia per incontrare il re Luigi XVI.

Nel 1724, il re Sozo di Allada fu vittima di un'invasione del vicino Dahomey. Già indebolito dalle divisioni interne e da una spedizione punitiva del potente impero Oyo della Nigeria, il regno si piegò pesantemente nel 1724.

Il regno di Dahomey, tramite il suo re Agadja, vi trasferì la sua capitale creandone una nuova chiamata Allada. Nonostante il fatto che il successore di re Agadja, Tégbéssou (1732-1774), lo abbandonò nuovamente per Abomey, Allada rimase il polo fondamentale della regalità in Dahomey. D'ora in poi tutti i futuri re saranno incoronati lì e lo considereranno un pilastro della dinastia reale Dahomea.


Il regno di Ketu

Situato nel sud-est del Benin e nell'estremo nord del dipartimento dell'altopiano, il regno di Kétou fu fondato dagli Edé.

Secondo i resoconti storici, la data di fondazione del Regno di Ketu non è precisa. Alcuni evocano l'XI secolo, altri il X secolo e, infine, un'ultima categoria di storici afferma che sia stato costruito nel XIV secolo. Non esiste una data precisa per la costruzione della città di Ketu fino ad oggi.

In precedenza, Ketu era la sede di un antico regno yoruba. Quest'ultimo ha le sue origini nella vecchia città di Ile-Ifè che si trova nel sud-ovest della Nigeria. Secondo la storia, subito dopo la sua morte, l'imperatore Oduduwa lasciò sette nipoti e sette principesse. Tra loro c'era un secondo figlio riconosciuto come una principessa, che divenne la madre di Alaketu. Quest'ultimo divenne l'antenato del popolo di Ketu.


Il regno di Savalou

Il regno di Savalou fu fondato all'inizio del XVII secolo dal re SohaGbaguidi 1 °. Il regno di Savalou si estendeva su un territorio corrispondente approssimativamente alla metà occidentale del dipartimento delle Collines, nel centro dell'attuale repubblica del Benin, compresa la città di Savalou.

In totale, quattro reggenti e sette re succedettero a SohaGbaguidi I sul trono di Savalou fino a quando il regno fu posto sotto il protettorato francese all'inizio del XX secolo da ZoundéglaGbaguidi VIII. Da allora, i "capi" si sono succeduti sul trono con l'approvazione del potere coloniale e poi per consenso tra i notabili della città.


Il regno di Kouandé

Il regno di Kouandé si trova nel nord dell'attuale Benin. Fu fondata da WorouWari, figlio di un principe Bariba espulso da Nikki. Il regno di Kouandé è riuscito a soggiogare praticamente tutti i popoli di Atakora.

Dopo l'occupazione francese della città di Kouandé, WorouWari fu cacciato dalla sua città dai coloni francesi e alla fine si avvelenò.

Oggi il regno di Kouandé è un vero centro storico della Bariba, insediato nella regione dal XVIII secolo.


Festa di Gaani nel regno di Nikki
Festa di Gaani nel regno di Nikki

Il regno di Nikki

Il regno di Nikki si trova nel nord-est del Benin, nel dipartimento di Borgou. Il regno di Nikki fu fondato tra il XV e il XVII secolo dal re Simè.

Il regno di Nikki era il più importante dei regni che componevano i Borgou. Circondato dal Niger e dal regno di Sokoto a nord, ea sud-est dal Dahomey, il regno di Nikki fu esplorato per la prima volta dai fratelli Larder, che furono i primi europei ad esplorare i tratti inferiori del fiume Niger. (1830). Parlavano di Nikki come di un regno molto organizzato con un esercito molto forte e soprattutto molto disciplinato.

Le città che componevano il regno di Nikki sono numerose e cioè Nikki, che fu la capitale, Bembérèkè, N’Dali, Kalalé, Banikoara, Sinendé, Kandi, Gogounou, Kérou, Wassa-Pehunco, Kouandé, Tchaourou, Parakou e Ségbana.

Alla fine del XIX secolo, il regno di Nikki fu oggetto di una disputa tra due potenze coloniali: Francia e Inghilterra. Da un lato, la Francia ha basato le sue affermazioni sull'occupazione effettiva della città da parte delle sue truppe e su un trattato concluso con il re di Nikki. D'altra parte, l'Inghilterra rivendicò il regno di Nikki, in nome di precedenti trattati conclusi anche con il re di Nikki. Infine, per convenzione franco-inglese del 1898, il regno di Nikki si trovò posto nella sfera dell'influenza francese.


Il regno di Kandi

Inizialmente una semplice città, formando parte integrante del regno di Nikki, Kandi divenne un regno sotto la minaccia permanente e perpetua rappresentata per la regione dai guerrieri Peul e in particolare Dendi, che nel XVI secolo, arrivò dal nord attraverso la Valle del Niger e ha tenuto in ostaggio la popolazione.

Stanchi di questi incessanti attacchi, gli abitanti della regione chiedono la protezione del regno di Nikki. E così, come risultato di una spedizione, Saka Baku, figlio del re di Nikki, finì per stabilirsi a Kandi come re.

Ancora oggi il regno è posto sotto il dominio di Nikki.


Ange Yvon Hounkonnou è Promotore dell'ecospiritualità nell'Africa occidentale, Presidente della Ecospirituality Foundation Benin e Corrispondente dall'Africa per Shan Newspape

 

Seguici su:

Seguici su Facebook Seguici su Twitter Seguici su YouTube