Personaggi

Arrivederci, Giancarlo!

Stampa E-mail
11 Agosto 2019
|
Giancarlo Barbadoro incantava tutti con la musica del suo flauto, la Nah sinnar appresa dai druidi di Bretagna, una musica antichissima proveniente dallo sciamanesimo druidico, studiata appositamente per la meditazione
Giancarlo Barbadoro incantava tutti con la musica del suo flauto, la Nah sinnar appresa dai druidi di Bretagna, una musica antichissima proveniente dallo sciamanesimo druidico, studiata appositamente per la meditazione

Il Direttore di Shan Newspaper ci ha lasciati martedì 6 agosto.
Poeta, guerriero e sciamano, teorico dell’ecospiritualità e difensore dei più deboli. Gli animali non umani perdono un grande alleato



Giancarlo Barbadoro non è più tra noi. Sono parole difficili da scrivere, quando ancora sembra tutto irreale e si fatica a convincersi della dura realtà.

Giancarlo Barbadoro non c'è più e lascia un vuoto immenso, incolmabile nella vita delle tante, tantissime persone che, come chi scrive, sono state toccate dalla magia con cui, senza volerlo o cercarlo, contagiava ogni situazione e momento. Era semplicemente parte di lui, quella magia, quella gioia di vivere, quel guardarsi intorno con occhi sognanti di fronte al mistero dell'esistenza; chi lo conosceva, anche fugacemente, non poteva non accorgersene, non percepire qualcosa di magico e straordinario nel suo rapporto con l'esistenza.

Giancarlo guardava alla vita con la gioia e la sorpresa di un eterno ragazzino, non per ignoranza, ma al contrario per via della sua profonda saggezza che manifestava sempre con umiltà e grandissimo amore.

Conoscere Giancarlo ha cambiato la vita mia e di chissà quante persone: per tutti noi che abbiamo avuto il privilegio di condividerne l'amicizia e di conoscerlo, per tutti quanti hanno colto il suo richiamo mistico e umanistico, per tutti noi, nelle nostre vite esisterà sempre un prima e un dopo Giancarlo. E adesso, purtroppo, esisterà un prima e un dopo questo terribile 6 Agosto.

Giancarlo è stato tantissime cose: poeta, guerriero, musicista, ricercatore, giornalista, scrittore, attivista e sognatore, ma l'unica definizione che credo possa definirlo veramente è quella di un grandissimo sciamano. Nel senso di ricercatore filosofo, che si apre all'esistenza in cerca di un rapporto intimo e diretto, scrutando in cerca dei suoi segreti più nascosti, per placare un'indomabile sete di conoscenza. E coinvolgendo, anche involontariamente, in questa danza quelli che condividono quell'irresistibile quanto inesplicabile richiamo.

Giancarlo Barbadoro con il Premio Nobel Rigoberta Menchù all’ONU di New York
Giancarlo Barbadoro con il Premio Nobel Rigoberta Menchù all’ONU di New York

Nella vita di Giancarlo nulla è stato normale o ordinario: le esperienze che ha vissuto e le realtà che ha creato si inseriscono veramente nella categoria delle cose straordinarie. Ritorna sempre quel filo rosso di un magico rapporto individuale con l'esistenza: quello che tutti sentiamo di avere da bambini, e che lui come nessun altro era riuscito a preservare e custodire e accrescere.

Fin dalla giovanissima età la sua vita è stata segnata dall'incontro fortuito con una comunità tradizionale autoctona delle valli piemontesi, attraverso cui scopre la filosofia dello sciamanesimo druidico, la spiritualità della meditazione e dei nativi europei: uno studio che perseguirà per tutta la vita, arrivando attraverso il confronto con tradizioni native di tutto il pianeta, a proporre il concetto e la filosofia dell'Ecospiritualità, il “Cuore Antico” dei popoli naturali, quell'identità ed esperienza spirituale incentrata sull'armonia che accomuna tutti i popoli e gli individui liberi della Terra.

Catalogare le sue imprese sarebbe lungo e oltre lo scopo di questo articolo: dall'epoca in cui cambiò la storia culturale di Torino con Spazio 4, alle battaglie in difesa dei Nativi presso l'ONU con la Ecospirituality Foundation, fino alle lotte contro lo specismo e in prima linea per gli animali non umani. Avventure e imprese che ha portato avanti con uno scopo ben preciso, un piano, un “sogno planetario”: cambiare il mondo. Portare pace e armonia in un mondo dilaniato dalla violenza, dall'egocentrismo, dall'ignoranza e dalla barbarie.

Giancarlo Barbadoro era giornalista e conduceva trasmissioni televisive e radiofoniche. Per l’emittente Rete 7 conduceva insieme a Rosalba Nattero “SOS Gaia”, trasmessa anche su SKY
Giancarlo Barbadoro era giornalista e conduceva trasmissioni televisive e radiofoniche. Per l’emittente Rete 7 conduceva insieme a Rosalba Nattero “SOS Gaia”, trasmessa anche su SKY

Questo era il grande sogno di Giancarlo, un sogno in cui ci ha trascinati e coinvolti tutti, che ha dato vita a un'avventura magica e straordinaria che continua e dovrà continuare anche senza di lui. Un sogno che, personalmente, ha rappresentato una luce di grande speranza in un mondo che non lascia spazio ai sogni al di là dell'affermazione individuale ed egotica a discapito degli altri.

Un sogno incarnato nell'Ecovillaggio di Dreamland, la terra del sogno e dal grande Cerchio di Pietre voluto e progettato da Giancarlo come eterno testimone delle ancestrali tradizioni che hanno segnato la sua vita e le sue opere e da cui, in fondo, è nata tutta l'esperienza ecospirituale vissuta a Dreamland.

Tradizioni che Giancarlo ha sempre portato avanti e custodito senza mai tenerle per sé, ma regalandole come lui le aveva ricevute in regalo senza mai chiedere nulla in cambio.

Come la musica del suo flauto, la Nah sinnar che risuonerà sempre come un richiamo profondo e ancestrale a lasciarsi andare liberi a un rapporto intimo con l'esistenza. Alla gioia di vivere espressa da Giancarlo in ogni istante.

Come Presidente della Ecospirituality Foundation partecipava annualmente ai Forum per gli Indigenous Peoples di New York e di Ginevra
Come Presidente della Ecospirituality Foundation partecipava annualmente ai Forum per gli Indigenous Peoples di New York e di Ginevra

E la Kemò-vad, l'arte del gesto che ha appreso dalle comunità druidiche bretoni e che si è impegnato a diffondere in Italia: tutto parte del progetto, del sogno, il suo regalo e contributo partecipativo al mondo e all'esistenza.

L'idea che ogni cambiamento nasca prima di tutto da un crescita e da un'esperienza interiore, e che la meditazione, in ogni sua forma e libera da connotati religiosi o intermediazioni, sia uno strumento fondamentale di evoluzione individuale, lo portò a fondare insieme a Rosalba Nattero il New Earth Circle, che nasce a Forres (Scozia) il 2 settembre 1986 con il contributo di tanti partecipanti di ogni nazionalità, con lo scopo di diffondere la meditazione sul pianeta.

Sarà un caso ma la meditazione nel corso di questi anni ha avuto una grande diffusione planetaria.

Così come i Nativi del pianeta hanno pian piano preso coscienza della loro identità storica, mistica e morale, prendendo in mano il destino loro e forse dell'intera umanità, proprio come prospettato e incentivato nel libro “I Popoli Naturali e l'Ecospiritualità”, scritto da Barbadoro e Nattero quando ancora i dibattiti anche in sede ONU non contemplavano la questione dell'identità e delle tradizioni native, oggi invece tema centrale dell'azione dei nativi grazie proprio all'impulso al dibattito dato dalla Ecospirituality Foundation.

Giancarlo Barbadoro ha dato il via a una rivoluzione planetaria. A Dreamland, all'ONU, con il New Earth Circle, con il LabGraal e con le grandi iniziative portate avanti in Africa dalla Ecospirituality Foundation Benin, dove anche da chilometri di distanza Giancarlo è riuscito a dar vita a delle realtà veramente straordinarie e impensabili, contagiando con il suo sogno anche persone così lontane. Proprio in Africa, nella Repubblica Democratica del Congo, ha attivato un rifugio per animali abbandonati, e nel Benin ha dato vita alla Ecospirituality Foundation Benin dove si sta diffondendo l’idea che siamo tutti figli di Madre Terra, umani e non.

Presentazione del libro Tutti Figli di Madre Terra, scritto con Rosalba Nattero, al Salone del Libro di Torino a cui hanno partecipato Enrico Moriconi (Garante Diritti Animali Regione Piemonte) e Gianluca Felicetti (Presidente nazionale LAV). Giancarlo Barbadoro ha scritto numerosi libri e raccolte di poesie, molte delle quali dedicate agli animali
Presentazione del libro Tutti Figli di Madre Terra, scritto con Rosalba Nattero, al Salone del Libro di Torino a cui hanno partecipato Enrico Moriconi (Garante Diritti Animali Regione Piemonte) e Gianluca Felicetti (Presidente nazionale LAV). Giancarlo Barbadoro ha scritto numerosi libri e raccolte di poesie, molte delle quali dedicate agli animali

Grande attivista per i diritti degli animali, ha partecipato alla fondazione del Tavolo Animali & Ambiente e a molte battaglie antispeciste.

In tutto questo Giancarlo non era solo: ogni sua impresa e ogni difficoltà è stata vissuta, studiata e creata con Rosalba Nattero, la compagna di una vita. Insieme hanno veramente realizzato l'impensabile contro ogni avversità e non sarebbe giusto né possibile raccontare di Giancarlo senza parlare di Rosalba e del grande amore che li univa nella vita e nella condivisione di un grande sogno e di infiniti progetti.

Non penso di aver reso giustizia a quello che è stato Giancarlo nel suo transito in questa dimensione, su questo pianeta e nelle nostre vite. Non credo sia possibile perché la sua natura è impossibile da cogliere con una definizione, come lo Shan in cui ha riflesso la sua esistenza.

E al di là di tutto quello che Giancarlo ha fatto ed è stato, per me resterà sempre un grande amico. Un Maestro. Un Fratello.

Arrivederci, Giancarlo!

www.giancarlobarbadoro.net




PUBBLICHIAMO ALCUNI TRIBUTI, TRA I TANTI, DEDICATI A GIANCARLO


Un grande saluto ad un grande uomo che messo i semi della trasformazione nell'umanità!
Pierfrancesco Maria Rovere

Un grande lutto. Umano e culturale
Roberto Briatta

Una persona capace di veicolare con grande leggerezza la sua profondità, frutto di studio, applicazione e soprattutto sapienza. Quella vera. Poesia e musica, straordinaria capacità di ascolto dell'altro. E anche di essere ascoltato, come testimonia l'affetto dimostrato negli anni da ascoltatrici e ascoltatori di Flash. Grazie infinite a Giancarlo.
Gianluca Gobbi


Giancarlo Barbadoro non è più con noi. Per me è stato un amico al quale ho voluto sinceramente bene.  Per lui, per Rosalba e per tutti i componenti del LabGraal ho sempre avuto affetto e stima profonda. In questi ultimi 13 anni abbiamo fatto tante cose insieme: ho inciso un audiolibro, sono stato sul palco con loro, ho partecipato alle loro trasmissioni radiofoniche, ho scritto alcune introduzioni dei bellissimi libri di Rosalba e Giancarlo, ho sempre iniziato l'anno e festeggiato Halloween a Dreamland. Oggi avverto la mancanza di un uomo grande, saggio, buono e accogliente. Col quale era un piacere profondo parlare di tutto, anche quando non andavamo d'accordo. Anzi, forse soprattutto quando non andavamo d'accordo. La cultura di Giancarlo non era solo una cultura nozionistica, ma era umanistica nel più profondo senso del termine. Tempo fa lo definii il poeta, lo sciamano, il guerriero. Posso aggiungere il druido, un druido saggio e presente. Una luce per tutti. Per me Giancarlo era Gandalf. Non gliel'ho mai detto e non so neanche se gli sarebbe piaciuto. Ora ti abbraccio forte amico mio. Hai varcato la soglia prima di noi. Nessuno meglio di te ci spiegherà che cosa ci aspetta quando sarà il nostro momento. Per tutti coloro che ti hanno conosciuto occuperai un posto nel grande albero degli antenati. Grazie
Guido Barosio

Giancarlo Barbadoro con i colleghi del Tavolo Animali & Ambiente in occasione della festa per la chiusura del progetto della riapertura dello zoo di Torino
Giancarlo Barbadoro con i colleghi del Tavolo Animali & Ambiente in occasione della festa per la chiusura del progetto della riapertura dello zoo di Torino

Le note spirituali del suo flauto, le parole delle sue poesie, le battaglie per difendere i più deboli e l'immensa generosità rimarranno per sempre nei cuori e nei ricordi di chi l'ha conosciuto. Buon viaggio allo spirito del poeta guerriero...
Christian Amadeo

Sono molto addolorata da questa triste notizia.
Jo Squillo

Mi spiace tanto.  Non lo conoscevo ma immagino la sua profondità d’animo dal suo sguardo.
Daniela Poggi

Sono affranto per la scomparsa di Giancarlo. La causa animalista perde un grande militante.
Juri Bossuto

Fui vostro ospite alla Grotta di Merlino per la mia conferenza, due giorni indimenticabili, con Giancarlo che faceva da anfitrione e mi consigliava il vino a cena.  Piccoli particolari di un incontro affettuoso, che rimarrà sempre con me nel ricordo del grande amico Giancarlo.
Leonardo Melis

I am very sorry to hear this sad news. I send my heartfelt comments condolences. He was a kind and good person and will be missed.
Julian Burger

My sincerest Condolences for Giancarlo's passing and much love to the Family and you all.
Gary Murray River Clans, Australia

Giancarlo era una persona rarissima e squisita e rimarrà nei miei pensieri per sempre.
Edward Caruso, Melbourne

Era una grande persona, e sono affranto.
Massimo Teodorani

Quando un’anima del genere vola via, è una perdita per tutti. Ci illumini dal cielo, per continuare a difendere i più deboli. 
Christiana Ruggeri

Uno spirito che ha esposto nella sua esistenza la fratellanza tra ogni creatura, animale ed umana. Ed essendo artista l'ha sublimata con la sua arte.
Andreas Papanicolàou

Grande dolore. Da lassù continua il grande lavoro iniziato qui.
Gabriella Maria Bettassa

Uno degli "Uomini Straordinari" che ho incontrato nella mia vita, autore, fra l'altro, di scoperte fondamentali nel campo del celtismo delle origini. Un grande onore averti conosciuto, carissimo Giancarlo e un vero piacere aver potuto condividere qualcosa con te. Fa' buon viaggio nell'Infinito cui appartieni, lo Shan del quale siamo tutti parte, senza più limiti... Grazie per la tua presenza su questa Terra, amico mio
Fabrizio Garro

Giancarlo Barbadoro in un recital di sue poesie dedicate agli animali
Giancarlo Barbadoro in un recital di sue poesie dedicate agli animali

Lascia senza dubbio un esempio di come si possa essere guerrieri dando valore alla propria esistenza soprattutto adesso che è giunta al termine.
Maurizio Redegoso Kharitian

Giancarlo vive nei cuori e nelle anime di chi l'ha conosciuto e ha avuto modo di conoscere il suo lavoro, il suo spirito, la sua arte…
Lavinia Efigenia

This morning I woke up to some sad news. In 2008, I met the most amazing people from Italy in Second Life who changed my outlook about live music from around the world. Today, I found out that Giancarlo Barbadoro from LabGraal has moved on to his third life. The most gentle soul, shaman, teacher, writer, musician will be missed by all.
My heart is so sad to hear this news. Love, strength, and condolences from us in New Mexico, USA
Rest well my friend!
Raven Anderson

Nostro amato amico, hai lasciato questo mondo per riposare in un posto tranquillo.
Un paese con cieli blu da cui vegli su tutti i tuoi cari che hai lasciato in questo mondo: i tuoi amici si sono riuniti qui per renderti un ultimo tributo.
È difficile per me pronunciare questa elegia, poiché la tristezza e il dolore mi ghermiscono.
La tua morte è il nostro grande dolore.
Amico mio, eri un angelo per me, perché mi hai aiutato e mi hai mostrato la strada per essere lì per coloro che hanno più bisogno del nostro aiuto.
Sei stato un uomo meraviglioso, sempre preoccupato per l'interesse e il benessere degli altri e con un interesse particolare per gli animali di cui hai appena lasciato un progetto di aiuto nella Repubblica Democratica del Congo.
La tua amicizia fedele e incondizionata ci mancherà molto. Sei stato un amico sempre disponibile ad ascoltare gli altri.
Lasciandoci sulla piattaforma della vita, ci hai lasciato per fare un viaggio nelle terre celesti.
La tua partenza ci ha immersi nell'emozione e nella tristezza di non vederti più in questo mondo.
Tuttavia, tutti noi sappiamo che le tue buone azioni e la tua grande saggezza possono solo condurti a una vita dopo la morte fatta di bellezza, sollievo e riposo sereno.
Hai vissuto pienamente la tua vita. Sapevi amare e goderti ogni momento per salvare gli animali
in difficoltà, per aiutare i bambini poveri della Repubblica Democratica del Congo che oggi chiedono cosa ne sarà del loro futuro.
Oggi dobbiamo accettare la tua morte e lasciarti andare.
La sua possibile e lenta accettazione dipenderà da ciascuno di noi, dal nostro passato, dalla nostra storia, da ciò che siamo in grado di capire dalla tua partenza inaspettata.
Dobbiamo trovare conforto dicendoci che è l'ultimo viaggio che intraprendi, un viaggio in un paradiso meritato, di cui nessuno può davvero parlare.
Il paese in cui vivi oggi è sicuramente un paese senza dolore con l'amore e la serenità permanente.
Riposa in pace in questo delizioso mondo dove, lo so, ci guardi e ci ascolti con affetto.
Le nostre lacrime sono parole d'amore inviate ai cieli per colmare il tuo cuore di felicità nella tua ultima casa.
Paterne Bushunju - SOS GAIA AFRICA - Repubblica Democratica del Congo

Non trovo le  parole per esprimere il dolore che provo dopo la scomparsa del fratello Giancarlo.
L'unica situazione che vivo in questo momento sono le lacrime che mi inondano la faccia: non capisco, perché proprio Giancarlo?
Non ho molto da dire se non piangere dal giorno in cui Rosalba mi ha detto che il nostro fratello ci ha lasciato.
Noi, membri dell’Ecospirituality Foundation, abbiamo perso un padre, un fratello, un amico e una guida eccezionale, un uomo con un grande cuore.

Giancarlo con un amico. L’antispecismo era la sua missione
Giancarlo con un amico. L’antispecismo era la sua missione

Giancarlo Barbadoro è stato e sarà sempre per noi un esempio da seguire.
Si è impegnato in ogni lotta, soprattutto quella dell'ecospiritualità.
Ed è nostro dovere esprimere la nostra gratitudine per tutto ciò che ha fatto per la missione dell'ecospiritualità e per noi tutti figli di Madre Terra.
Come promotore dell'ecospiritualità nell'Africa occidentale, presidente della Ecospirituality Foundation Benin e fratello di Giancarlo Barbadoro prendo l'impegno di fare tutto il possibile per garantire che il suo nome sia immortale. Lo farò, così che il nome Giancarlo Barbadoro rimanga inciso nella memoria degli uomini e non tramonti mai. Perché il fratello Giancarlo lo merita davvero.
Giancarlo ci ha lasciato una grande eredità: la missione dell'ecospiritualità.  Continueremo questa missione con la sorella Rosalba e tutti altri.
So che il nostro fratello Giancarlo, ovunque si trovi, è e rimarrà per sempre nei nostri cuori.
Faremo in modo che il suo lavoro continui e si evolva nel corso dei secoli.
Al fratello Giancarlo, dovunque sia, vorrei dire che lo amiamo tutti e non lo dimenticheremo mai.
Ange Yvon Hounkonnou – Ecospirituality Foundation Benin


Je suis bien triste mais une étoile de ce côté s'est éteinte, pour briller ailleurs et aider à mieux éclairer la Terre.
Brice Tjomb, Camerun

Ho avuto la fortuna di conoscerlo. La sua voce mi resterà nel cuore, la sua musica ed i suoi versi dove l'universo prendeva vita... ciao Giancarlo buon cammino a nuova vita!
Claudio Clay Beltrame

Buon viaggio amico e Maestro.
Maurizio Poletto

Sono disperata. Piango e urlo. Manca a te mia cara Rosalba, ai deboli, agli afflitti, agli animali. Cosa faremo senza di lui? Rosalba non ho parole per esprimerti il mio immenso affetto, il grande amore che provo per te, la gratitudine. Sono affranta dal dolore.
Anna Felicita

Una delle notizie che non avrei voluto mai sentire. Mi dispiace veramente molto, Giancarlo era ed è un grande. Sarà sempre con te, con voi. Un abbraccio virtuale e spirituale.
Nuada Wallace

E’ stato un onore poterti conoscere, Giancarlo
Matteo Gaydou

È un dolore immenso che non passerà mai. Il suo ricordo sarà la nostra guida.
AnnaMaria Bonavoglia

Tutta la mia partecipazione per il distacco da Giancarlo, conosciuto 30 anni fa e di cui ho ammirato l'umanità cristallina, l'amore per natura e animali, il senso di comunità intima che ci unisce tutti. Una perdita per noi, un dono per lo Spirito.
Dario Janese

C’est étrange n’est-ce pas ?

Oggi, tutto assume un'altra prospettiva. E in qualche modo è come se l'intreccio de nostri cammini fosse destinato a portarci qui, in questo momento che entrambi viviamo con occhi diversi.
Non c'è nulla di ordinario in quello che hai fatto, il fuoco che hai portato, salvandoci da un mondo vuoto, in cui hai diffuso la luce della speranza tra le tenebre.
Se ci fosse giustizia, il tuo nome sarebbe sui libri di storia, ma non credo importi, in fondo.
Noi ricorderemo.
Come è sempre stato, come ci hai insegnato, porteremo il testimone, passandolo di mano in mano
come tu l'hai passato a noi.
E un giorno lontano, quando la luce avrà scacciato le tenebre della barbarie da questa Terra,
nel silenzio il vento porterà il suono di un flauto e ci sarai, e ci saremo, guerrieri del vento.
Marco Petrillo


È strano, vero?
Le nostre speranze in un mondo migliore per la nostra umanità, il nostro comune sguardo che si era concentrato sulla natura, la nostra "Madre Terra” e i suoi misteri, tra cui il più grande è ciò che chiamiamo “amore”…
Una bellissima avventura di 12 anni, mio tenero amico, nonostante la distanza; siamo rimasti uniti da così tanti valori da conquistare, con un'ammirazione fraterna.
La Terra non mi ha offerto di meglio che te, e la ringrazio...
E quando Rosalba mi ha detto che sei scomparso, ho capito che il cosmo ha dato al pellegrino una nuova destinazione, non importa il velo e il tuo nuovo rivestimento.
Sì, qui, anche in Africa nera, precisamente in Ngog Lituba, si scompare nella vita immensa, perché la morte non esiste...
Sei diventato più libero, amico mio.
Liberato dalla gravità della terra e dai vincoli del tempo.
Sì, sei andato a brillare in una civiltà migliore. E lo so, anche dentro quest'altra dimensione, sarà ancora per te, qualcosa di "strano"...
Quindi, cantiamo la Terra, scriviamo per lei l'inno di pace e gioia.
Samuel Brice Tjomb – Popolo Bassa, Camerun


Please accept our condolences to the family and friends of our dear friend Giancarlo Barbadoro. I wish I could be there for you all, one day soon we'll all meet again. Blessings and Much Respect. Your Brother
Jida Wayinlarr Marndarr Murray Gulpilil, Australia


Giancarlo Barbadoro, membre de LabGraal, a soutenu notre combat et l'a emmené plusieurs fois à l'ONU. Il nous a quitté le 6 août. 2019. Toutes nos condoléances face à cette terrible nouvelle. Une pensée particulière pour ses proches et sa famille.
Céline Mary et les membres de Menhirs Libres. Carnac, Bretagne


|
 

Seguici su:

Seguici su Facebook Seguici su Twitter Seguici su YouTube