Stampa E-mail
|




A cura di Donatella Devona


GENNAIO 2019

Un anno “fantascientifico”


Un anno “fantascientifico”

Vogliamo augurarvi un anno speciale, un anno “fantascientifico”, un anno in cui le speranze e i sogni trovino modo di esprimersi nel modo migliore donandovi benessere, gioia di vivere e felicità. Lo facciamo ispirandoci proprio alla fantascienza, usando le parole di dodici autori scelti a rappresentare i dodici Segni dello Zodiaco e per svelare l’impronta particolare che questo 2019 avrà per i nati sotto ognuna delle dodici costellazioni che circondano il nostro mondo.

Auguri a tutti e buona lettura.


CAPRICORNO: Le stelle nel futuro

L'Umanità ha le stelle nel suo futuro, e il futuro è troppo importante per essere perso a causa della sua follia infantile e della superstizione che la mantiene nell'ignoranza.

Isaac Asimov (2 gennaio 1920)  scrittore e biochimico russo naturalizzato statunitense.

PREVISIONE: Quest’anno ti regala un forte slancio verso il futuro, che ti porta a fare progetti, mettere in atto nuove cose, sviluppare idee. E per te, che tendi ad essere molto pragmatico nelle tue scelte e nelle tue azioni, ci sarà sempre un’ispirazione, un senso di grandezza, profondità e giustizia in tutto ciò che farai.


ACQUARIO: Un salto nei tuoi sogni

Quello che rende la fantascienza stupenda e complicata è quel misto di speculazione e di favoloso: la fantascienza è al tempo stesso narrativa di pensiero e narrativa di sogno.
Jonathan Lethem (19 febbraio 1964) scrittore e saggista statunitense.

PREVISIONE: Prendi la rincorsa perché ti devi preparare a fare un salto nel futuro, in ciò che non c’è ancora ma che hai già sognato, desiderato. Sarà davvero interessante e tutt’altro che scontato, proprio come piace agli Acquari, e richiederà anche coraggio e spirito battagliero.


PESCI: Cogli i doni che la vita ti offre

Il genere fantascientifico, se non teniamo conto della poesia, è l'unico settore che non ha limiti o parametri di sorta. Puoi esplorare il futuro e tutto ciò che si classifica con 'altro': un altro universo, un altro pianeta o un'altra specie.
Theodore Sturgeon (26 febbraio 1918) autore di fantascienza statunitense.

PREVISIONE: Un anno ricco di occasioni e possibilità. Un anno davvero fantascientifico! Non ti resta che cogliere le proposte che si presenteranno via via e che promettono di essere molto interessanti.


Un anno “fantascientifico”

ARIETE: Le due facce della Luna

Non esiste fantascienza senza scienza, come non esiste scienza senza fantascienza.

Carlo Rubbia (31 marzo 1934) fisico italiano, vincitore del premio Nobel per la fisica nel 1984 con Simon van der Meer.
PREVISIONE: Sarà un po’ come vedere entrambe le facce della Luna. Quest’anno infatti ha in serbo per te un orizzonte nuovo, un nuovo respiro e un grande senso di libertà da ciò che ti teneva legato o che tu percepivi così. Nuovi eventi, nuove possibilità, nuove idee si apriranno per te in questo prossimo futuro e tu li affronterai con tutto lo slancio di cui sei capace.

TORO: Una meta conquistata

Non avevo assolutamente idea che il cammino sarebbe stato così lungo. Sono felice che sia andata così: Star Wars non è più solo una lotta del Bene e del Male. È una storia di persone che scelgono il loro sentiero, di amici e di mentori, di sogni perduti e tentazioni, di guerre e, alla fine, di redenzione.

George Lucas (14 maggio 1944) regista, sceneggiatore e produttore scenografico statunitense.
PREVISIONE: E dopo un lungo cammino ecco che arriva il momento dell’ottimismo e della fiducia. Il 2019 ti regala realismo e solidità da ogni punto di vista, compreso quello finanziario. Sarà un anno importante di quelli che lasciano il segno.

GEMELLI: Sogni che diventano realtà

La fantascienza è il genere narrativo che ha per oggetto i sogni e gli incubi generati dallo sviluppo tecnologico, scientifico e sociale.
Valerio Evangelisti (Bologna, 20 giugno 1952) scrittore italiano di fantascienza e fantasy.

PREVISIONE: E quest’anno i protagonisti saranno soprattutto i vostri sogni che si concretizzeranno in ottime possibilità. Le novità si presenteranno come buoni semi destinati a sbocciare nel corso del tempo, alcuni non subito ma garantiranno buoni frutti nel futuro. Potrete correre leggeri come Mercurio con i suoi sandali alati.


CANCRO: Un tuffo nell’indeterminato

Ho appena fatto un tuffo nel baratro dell'impossibile e mi sono subito trovato immerso nella realtà della fantascienza.
Jean-Paul Malfatti (30 giugno 1986) poeta e scrittore italo- americano.

Un anno “fantascientifico”

PREVISIONE: Il cielo del Cancro sembra un’aurora boreale con colori fluttuanti e indeterminati, luminosi e sfumati. Non cercate certezze, cose troppo concrete e grandi decisioni. Accettate questo clima per quel che è, tuffatevi e nuotateci dentro senza mai perdere voi stessi.


LEONE: Tutto è possibile

La fantascienza è qualunque idea ti venga in mente che non esiste ancora, ma presto esisterà e cambierà ogni cosa per tutti e niente sarà più come prima. Appena ti viene un’idea che cambia una qualche piccola parte del mondo, stai scrivendo fantascienza. È sempre l’arte del possibile, mai dell’impossibile.

Ray Bradbury (22 agosto 1920) scrittore statunitense, è l’autore di Fahrenheit 451.

PREVISIONE: Il Leone è uno dei Segni favoriti in questo 2019. Potrai aspettarti grandi cose in tutti i campi della tua vita, sarà come un viaggio ricco di soddisfazioni. Vivitelo alla grande e dai spazio al tuo cuore generoso.


VERGINE: Aprirsi a ciò che accade

Nel caso di “Solaris” mi è successo qualcosa di eccezionale. Questo libro, nel senso letterale della parola, è stato un’avventura. L’ho scritto del tutto spontaneamente, così che ad ogni passo mi aspettavo qualche sorpresa.

Stanislaw Lem (12 settembre 1921) scrittore polacco, autore di Solaris, coniugò il genere della fantascienza con il romanzo filosofico.

PREVISIONE: Le belle sorprese arriveranno per te a fine anno. Per il resto del tempo le stelle ti consigliano un atteggiamento sobrio e attento e di lasciare che questa puntata dell’avventura della tua vita si manifesti man mano come le pagine di un libro sfogliate una dopo l’altra. Non dimenticare di tenere in tasca un pizzico di leggerezza e di umorismo.


Un anno “fantascientifico”

BILANCIA: Porsi domande

La fantascienza è molto adatta a porre delle domande filosofiche; domande circa la natura della realtà, su ciò che significa essere umani, su come facciamo a conoscere ciò che crediamo di conoscere.
Ted Chiang (20 ottobre 1967) scrittore statunitense di narrativa fantastico-fantascientifica

PREVISIONE: Sarà un anno un po’ intimista che ti porterà a fare riflessioni e a volte anche cambiamenti piuttosto importanti: una specie di revisione della tua vita. Prevarrà il tuo senso della giustizia sul tuo senso della socialità.


SCORPIONE: Fertile immaginazione

Credo nel potere che ha l’immaginazione di plasmare il mondo, di liberare la verità dentro di noi, di cacciare la notte, di trascendere la morte, di incantare le autostrade, di propiziarci gli uccelli, di assicurarsi la fiducia dei folli.

James Graham Ballard (15 novembre 1930) scrittore britannico, autore di romanzi e racconti di fantascienza

PREVISIONE: Un anno in cui la tua passione e la tua creatività avranno modo di esprimersi ed anche di ottenere riconoscimenti importanti che non sempre avranno però un corrispettivo economico. Meglio mantenersi morigerati.

SAGITTARIO: Tra scienza e fantascienza

La scienza è il mio territorio, ma la fantascienza è il paesaggio dei miei sogni.
Freeman Dyson (15 dicembre 1923) fisico e matematico britannico naturalizzato statunitense.

PREVISIONE: Un anno importante per te: ti aspettano cambiamenti importanti e anche profondi, che coinvolgono la tua sfera più intima ma anche quella del quotidiano, la tua attività e i tuoi progetti. Forse dovrai anche spingerti su qualche sentiero ancora completamente inesplorato.


Previsioni per il mese

           

Capricorno: Stelle amiche: Gennaio ti regala tempismo, profondità e creatività consentendoti di operare al meglio in ogni situazione. Riservati però del tempo per te perché rischi di accumulare stanchezza.

Acquario: Torna il sereno: L’umore ombroso del mese scorso se ne sta andando e un’energia positiva regala forza anche al tuo fisico. Tutto ciò che era fermo riprende a muoversi: è un tempo di rinnovamento.

Pesci: Nuove occasioni: Senti bisogno di chiarezza, di iniziare nuove cose, di utilizzare al meglio le tue energie sia fisiche che mentali e nuove opportunità ti si fanno incontro, quasi una risposta a questa tua richiesta.

Ariete: Batte forte il cuore: Sarà il tuo lato più tenero ad avere il sopravvento in questo inizio d’anno che sollecita il tuo cuore e che ti rende meno interessato o più distratto agli aspetti più pratici della tua vita.

Toro: Avanti tutta: Sull’onda iniziata il mese scorso i progetti prendono forma concreta, uno in particolare impegnerà le vostre forze e vi darà grandi soddisfazioni.

Gemelli: Un bilancio è utile: Il mondo degli affetti va incontro a qualche tensione e ti porterà a fare qualche analisi disincantata. A conti fatti i risultati saranno positivi. Negli altri campi della tua vita tutto procede bene.

Cancro: Bisogno di relax: Basta poco a farti sentire irritabile e stressato. Tendi a reagire in modo aggressivo e litigioso indipendentemente dalla situazione reale, per cui non dare troppo credito alle tue sensazioni e cerca situazioni rilassanti.

Leone: Una grande voglia di vita: Iperattivi, pieni di iniziative, coinvolgenti, allegri e ottimisti. Questo mese è da vivere alla grande!

Vergine: Forza e coraggio: L’emotività gioca qualche scherzetto: ti fa vedere difficoltà nella sfera degli affetti e ti spinge alla pigrizia in tutti gli altri campi. Eppure ci sono buone prospettive per te per quanto riguarda le tue attività e i tuoi progetti.

Bilancia: Un volto sorridente: Non tutto va per il verso giusto ma il tuo animo è pervaso da ottimismo e dolcezza e questo atteggiamento positivo ti porta a procedere sul tuo cammino.

Scorpione: Passione e concretezza: Ti aspettano decisioni importanti e realizzazioni interessanti che saprai gestire quasi sempre al meglio. Occhio solo ai momenti di nervosismo.

Sagittario: In ottima forma: Recuperata l’energia questo mese ti vede davvero in forma sia fisicamente che emotivamente. Nella tua attività potresti però incontrare qualche intoppo e quello che sembra promettente rivelarsi poco proficuo.


Un personaggio del Capricorno: Srinivasa Ramanujan


Un personaggio del Capricorno: Srinivasa Ramanujan

Un'equazione per me non ha senso, a meno che non rappresenti un pensiero
di Dio.


La storia di Srinivasa Ramanujan è diventata nota al grande pubblico da un paio di anni, cioè dall’uscita del film ispirato alla sua vita. L'uomo che vide l'infinito racconta la breve esistenza di questo incredibile matematico indiano, capace di visualizzare i numeri e le formule matematiche.

Non ho un'istruzione universitaria, ma ho frequentato il corso ordinario della scuola. Dopo aver lasciato la scuola ho impiegato il tempo libero a mia disposizione per lavorare in matematica. Non ho attraversato il corso regolare convenzionale seguito in un corso universitario, ma sto creando un nuovo percorso per me stesso. Ho fatto un'indagine speciale su serie divergenti in generale e i risultati che ottengo sono definiti dai matematici locali come "sorprendenti". Così Ramanujan si presenterà in una lettera indirizzata a Godfrey H. Hardy, l'eminente matematico del Trinity College di Cambridge. Sarà quella lettera a portarlo in Inghilterra, a cambiare in modo determinante la sua vita e forse anche a segnare il suo destino.

Un personaggio del Capricorno: Srinivasa Ramanujan

Ramanujan è un matematico straordinario, un genio naturale. Praticamente autodidatta è in grado di enunciare formule che in seguito saranno punti di partenza per molte nuove ricerche nel campo. I suoi lavori sono il frutto di scienza, arte, visione e misticismo. Nato quando il Sole è nei primi gradi del Capricorno ne eredita la forza e la determinazione che lo porteranno dalla piccola città indiana vicino a Madras, in cui vive, all’università di Cambridge. Umile ma contemporaneamente consapevole delle sue capacità e indifferente ad alcune delle convenzioni sociali, Ramanujan vive nel suo tempo e fuori dal suo tempo, quasi un alieno. Un aneddoto che può farci intravedere il modo in cui guardava il mondo è un breve dialogo con Hardy, che lo ha appena raggiunto in taxi. Il numero del mio taxi è il 1729, mi sembra un numero alquanto stupido – dice quest’ultimo e Ramanujan risponde: No Hardy! No! E’ un numero molto interessante. E’ il numero più piccolo esprimibile come la somma di due cubi in due diversi modi: 1729 = 10^3 + 9^3, 1729 = 12^3 + 1^3.
Srinivasa Iyengar Ramanujan nasce il 22 dicembre del 1887 a Erode, nell'India meridionale, e passa la sua infanzia e adolescenza a Kumbakonam circa quattrocento chilometri a sud di Madras. La sua famiglia faceva parte della casta del Brahamani e Ramanujan, che ha un legame molto forte con la madre, impara da lei la dottrina, la ritualità, quali cibi mangiare e quali rifiutare. La propensione di Ramanujan per la matematica si manifesta molto precocemente e giovanissimo riceve riconoscimenti, a scuola, per le sue capacità. Per lui le sue intuizioni derivano dal favore della dea Namagiri a cui è particolarmente devoto. E’ Namagiri a ispirarlo, a facilitargli la comprensione dei testi scritti spesso in lingue straniere, a dargli in sogno la soluzione ai suoi quesiti matematici. E i sogni sono un altro dei suoi interessi, così come il modo dell’occulto e del fantastico. Un mondo particolare quello che vive nella testa di Ramanujan dove la logica, l’immaginazione e il misticismo convivono e si intrecciano, creando spazi, connessioni, vertigini e vibrando insieme. A volte le sue conversazioni spaziano seguendo i fili misteriosi che trovando le relazioni che collegano Dio, lo zero e l’infinito.

Un personaggio del Capricorno: Srinivasa Ramanujan

La passione per la matematica diventa sempre più totalizzante tanto che il disinteresse per le altre materie lo penalizza al punto di essere escluso dal college e dalla possibilità di ottenere borse di studio. La famiglia di Ramanujan non è ricca e a lui tocca trovarsi un lavoro per vivere, un lavoro che lo distolga dalla sua ossessione matematica. Passa infatti la maggior parte del suo tempo con una lavagnetta e dei fogli, che utilizza più e più volte scrivendo con inchiostri di diverso colore. Ha un libro guida, A Synopsis of Elementary Results in Pure and Applied Mathematics", di George S. Carr, ma quello che per altri è una semplice raccolta di teoremi e formule, per lui diventa una specie di mappa stellare per il suo viaggio nell’infinito.

Non si può che restare incantati nell’immaginare il cervello Ramanujan all’opera, come le sue capacità logiche si intreccino con i simboli matematici, mitologici e onirici trovando strade che nessuno ancora ha percorso. Dicono che le sue formule abbiano eleganza e bellezza, forse perché nascono da vere e proprie visioni dell’architettura dell’universo. Trova lavoro come contabile ma spedisce a Cambridge una lettera, indirizzata a Godfrey H. Hardy, riconosciuto come una delle massime autorità in fatto di matematica. Hardy rimane molto colpito dai fogli pieni di formule che accompagnano da lettera di Ramanujan e capisce di trovarsi di fronte al prodotto di una modalità geniale di affrontare i calcoli e di formulare teoremi. Da qui nasce la corrispondenza tra i due matematici finchè Hardy riuscirà a convincere Ramanujan ad attraversare l’oceano (cosa proibita ai brahamani) e a raggiungerlo a Cambridge. La collaborazione tra i due matematici si fa molto stretta e insieme pubblicano diversi lavori. Ramanujan riceve la laurea ad honorem e altre onorificenze, ma purtroppo il suo soggiorno inglese gli regala anche non pochi problemi.

La lontananza da casa, la grande differenza tra la cultura del suo paese d’origine e quello che lo ospita, la diffidenza degli inglesi, il clima freddo, la mancanza di riscaldamento anche a causa dei pochi soldi, l’incompatibilità con il cibo inglese per un vegetariano convinto, pesano sul suo animo e sul suo fisico. Viene salvato miracolosamente da un tentativo di suicidio ma purtroppo si ammala di tubercolosi. La malattia non viene riconosciuta subito e la salute di Ramanujan peggiora sempre più e non bastano i vari ricoveri in sanatorio a migliorare la situazione. Così torna in India, consapevole di non aver più molto da vivere.

Nonostante tutto l’ultimo periodo della sua vita sarà anche bello. Grazie all’amore della giovane moglie e alla matematica, il suo animo resta sereno e cordiale con tutti anche se la malattia lo sta letteralmente consumando. Muore a Madras il 26 aprile del 1920, a soli trentadue anni.








|
 

Seguici su:

Seguici su Facebook Seguici su Twitter Seguici su YouTube