Il blog di Rosalba Nattero

Gli Alieni accanto a noi

Stampa E-mail
02 Giugno 2014
|


Gli animali accompagnano la nostra vita come creature discrete che fanno un pezzo di strada con noi, si affiancano a noi, e poi altrettanto discretamente se ne vanno. Ma in quel breve tragitto ci regalano cose preziose, anche se magari non le capiamo o non le sappiamo valutare nella loro grandezza.

Noi umani viviamo la nostra vita tra mille vicissitudini che creano la storia dell’uomo. Ci interfacciamo tra di noi attraverso mille battaglie, piccole e grandi; guerre tra le pareti domestiche, tra vicini di casa, fino ai conflitti mondiali. Una umanità variegata composta da idealisti che cercano di costruire un mondo migliore, e da egoisti che perseguono solo il potere, il denaro, la sopraffazione.

La storia dell’umanità è complessa e densa di guerre, sopraffazioni e grandi ideali. Ma tutto questo si svolge in un grande teatro che è la natura, e accanto a noi ci sono altre creature che a malapena intravvediamo considerandole come il nostro scenario. Nella storia dell’uomo non c’è posto per gli animali.

Eppure queste creature non sono uno scenario. Sono realtà vive e vitali, sono “persone” come noi, anche se differenti nell’aspetto; con proprie culture, usi e costumi, emozioni, consapevolezza.

Ma chi sono quelli che noi chiamiamo comunemente animali?

Potremmo dire che sono degli alieni, perchè hanno una forma diversa dalla nostra, usi e costumi diversi dai nostri, culture diverse. Se togliamo agli animali la ruolizzazione che, anche con le migliori intenzioni, li colloca in una precisa parte (il cane, il gatto, etc.) allora possiamo scoprire qualcosa di sorprendente.

Incorriamo nell’errore di ritenerci superiori a loro, come se fossero dei bambini che devono imparare qualcosa da noi. Non sono dei bambini perenni. Magari li raccogliamo cuccioli e per un po’ ci trattano come dei genitori, ma poi crescono, hanno un loro decorso di vita, e diventati adulti, spesso sono loro a sostenerci, a farci coraggio, ad alleviare le nostre angosce.


Michelle

Ma quelli che comunemente chiamiamo animali sono molto più di questo.

Non vincolati da dogmi, profeti, religioni, sono creature libere e sincere. Sono in simbiosi con la Natura e proprio per questo si rivelano come esseri straordinari.

Hanno delle premonizioni, sentono prima di noi i terremoti. Quando c’è stato lo Tsunami del 2004 nell’oceano indiano che ha causato centinaia di migliaia di morti, gli animali si sono salvati. Tutti gli animali. Gli elefanti con i loro barriti hanno salvato centinaia di persone. Un uomo rimasto intrappolato tra le macerie per settimane è riuscito a sopravvivere perchè nutrito dagli uccelli.

Ci sentiamo superiori, li guardiamo con paternalismo, perchè abbiamo internet? Perchè usiamo i Boeing per trasferirci da un continente all’altro? Ebbene, forse loro non hanno bisogno di questo.

Abbiamo inventato la penicillina che salva anche la loro vita? Non dimentichiamo però che le grandi case farmaceutiche spiano le grandi scimmie per carpire i segreti delle loro erbe terapeutiche.

L’uomo, il più grande parassita esistente in natura, ha costruito un mondo in cui non c’è spazio per gli animali. La società maggioritaria ha preso il possesso delle sorti dell’umanità e ha annientato le altre culture, lo ha fatto con i Popoli indigeni e ancor più con gli animali.

Eppure anch’essi, al pari dei popoli che vivono ai margini della storia, sono popoli invisibili con una loro storia e una loro cultura. Gli animali hanno una loro terapeutica, i gatti conoscono perfettamente le erbe che servono loro per curare i loro disturbi. Questo, anche quando non siano cresciuti in una comunità di gatti ma adottati da cuccioli. E qui sorge una domanda: come si passano, tra di loro, queste informazioni?

Siamo superiori? Eppure noi non riusciamo ad imparare il loro linguaggio. Loro invece conoscono la nostra lingua: chi vive con un gatto o con un cane questo lo sa.

Gli animali sembrano possedere un’armonia, una consapevolezza, una serenità che all’uomo sembra sia negata. E c’è da chiedersi perchè.

Nelle antiche tradizioni gli animali hanno un ruolo sacro, sono i custodi della porta sull’invisibile. Sono visti come animali totemici che ci guidano, ci proteggono. Ma la nostra presunta superiorità, il nostro paternalismo nei loro confronti ci impediscono di partecipare alla magnifica danza a cui gli animali ci invitano.

La stessa superiorità paternalistica che ci fa vedere i popoli nativi come dei selvaggi anziché come persone con una cultura e una spiritualità diversa dalla nostra, non ipotecata da dogmi religiosi.

Forse, se c’è una speranza per il futuro dell’umanità, se mai sarà possibile costruire un mondo migliore, la speranza sta proprio negli animali. Si inseriscono nelle nostre vite, nelle nostre case, e ci fanno diventare migliori.

Forse l’unica speranza per questa umanità malata è riposta proprio in questi nostri fratelli diversi. Sta a noi cercare di essere ricettivi al loro insegnamento, smettendo di vederli come figli o fratellini minori e, magari con un po’ di umiltà, provare ad imparare qualcosa da loro.

|
 

Commenti   

 
0 #3 BRUCO 2016-01-13 01:29
brava
Citazione
 
 
0 #2 BRUCO 2016-01-13 01:27
COMPLIMENTI E TUTTO VERO
Citazione
 
 
0 #1 mara 2015-11-04 17:17
condivido in toto. Grazie di averlo espresso cosi' bene. Ciao
Citazione
 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna


Seguici su:

Seguici su Facebook Seguici su Twitter Seguici su YouTube