Indigenous Peoples

Aloha Pow wow

Stampa E-mail
06 Luglio 2011

La cerimonia di apertura del Pow wow di Hilo nelle Hawaii

Il Pow wow di Hilo, nelle Hawaii, riunisce tribù diverse per celebrare la cultura dei nativi hawaiani e americani


Da cinque anni Moku Hawai'i conosciuta anche come l’isola delle Hawaii, ospita nella città hawaiana di Hilo un Pow wow assolutamente unico. In un intreccio di culture diverse, le famiglie dei Nativi hawaiani accolgono nella propria patria Nativi americani provenienti da ogni stato per celebrare gli ideali di cultura, clan, spiritualità, dignità, onore e speranza. La sesta edizione ufficiale del Pow wow Intertribale di Hilo si è tenuta dal 28 al 30 maggio di quest'anno.

Dalla prima edizione di questo evento, Kahu Kimo Pihana, Nativo hawaiano, dirige le cerimonie "oli" (canti che celebrano la storia del territorio e la stirpe aristocratica) e "pule" (preghiere) che danno inizio al weekend di festeggiamenti.

Gli ideatori del Pow wow Intertribale, i Nativi americani Troy Good Medicine De Roche (Piedi Neri) e Liz De Roche (Metis) sottolineano l'importanza fondamentale di queste cerimonie. Prima del Pow wow inaugurale, sono stati necessari mesi per individuare la persona alla quale rivolgersi per ottenere l'autorizzazione all'uso del territorio hawaiano. "Non ci sembrava giusto ballare sulla terra di qualcun altro", spiega Liz De Roche. "Alla fine, qualcuno ci ha detto che la persona che stavamo cercando era Kimo Pihana."

In seguito alla loro richiesta, Pihana ha accettato di incontrare i De Roche per discutere le iniziative previste. In un primo momento, afferma Troy, egli si è mostrato scettico e ha voluto verificare che gli eventi del Pow wow fossero culturalmente rilevanti, rispettosi della legge e pienamente autorizzati. "La popolazione che rappresenta la cultura ospitante deve dare un esempio eccellente", afferma Pihana. "È nostro dovere collaborare con le altre culture per far sì che determinati protocolli hawaiani siano rispettati".

Pihana, capo discendente della dinastia reale dei Kamehameha, ha spiegato che, in veste di esperto di cultura, sacerdote e insegnante, egli è responsabile della tutela dello spirito della terra e della popolazione dei Nativi hawaiani che vivono nella parte orientale dell'isola di Moku Hawai'i, da Kohala a Kau.


Il Nativo Hawaiano Kahu Kimo Pihana incontra il direttore del Pow wow di Hilo Dan McDaniel, Choctaw

Dopo aver approfondito le intenzioni dei De Roche, Pihana si è dimostrato lieto di offrire il suo contributo; da quel momento, egli dirige ogni anno la cerimonia inaugurale del Pow wow, durante la quale una conchiglia tortile, suonata come un corno, annuncia l'ingresso del gran sacerdote hawaiano, seguito da altri riti sacri. Questo rito inaugurale sottolinea la presenza della cultura hawaiana, oltre ad evocare il rispetto per la presenza spirituale degli antenati, della terra (aina) e dell'oceano.

"È importante che l'apertura della cerimonia sia incentrata sulla cultura della popolazione ospitante e seguita dalle preghiere inaugurali delle popolazioni degli Indiani d'America", afferma Pihana. "Quindi i tamburi possono iniziare a suonare, le bandiere internazionali possono essere esposte... l'evento rappresenta l'apertura a nuove culture e la costruzione di legami fra di esse."

Le cerimonie "oli" e "pule" sono state seguite dall'ingresso trionfale dei Maestri di Cerimonia John Dawson (Apache San Carlos) e Darrel Iness (Yakama), della danzatrice Naomi Billedeaux (Piedi Neri/Salish), del danzatore Joe Barbosa (Yakama), dei direttori di arena Dan McDaniel (Choctaw) e Eddie Hummingbird (Cherokee) e dei Wildhorse Singers, gruppo intertribale di percussionisti provenienti dalla California.

I tre giorni di celebrazioni sono stati principalmente caratterizzati da danze intertribali, intervallate ogni una-due ore da esibizioni dei singoli gruppi di danzatori ospiti.
Ogni anno, afferma Troy, gruppi numerosi di rappresentanti di diverse tribù Native americane chiedono di poter prendere parte all'evento. Durante il weekend, questi gruppi si sono esibiti in spettacoli speciali.

I gruppi in visita di quest'anno sono stati i Kodiak Alutiiq Dancers of Alaska, gli Oneida Tribe of Wisconsin Dancers e i Wapato Indian Club, un gruppo di giovani di Washington.

Anche Troy, celebre flautista nativo americano, ha partecipato alle esibizioni, insieme al gruppo di danzatrici di hula hawaiane Leo Nahenahe O Pohai Ke Aloha. Inoltre, per la prima volta nella storia di questo pow wow, la Federazione dei Nativi Americani ha ospitato una serie di eventi culturali indigeni, fra cui workshop, spettacoli e proiezioni, che hanno preceduto il pow wow vero e proprio, tenutosi nel fine settimana del Memorial Day.

Il 22 maggio, Troy e Manu Josiah, nativo hawaiano, hanno condotto un workshop dedicato ai flauti della tradizione nativa americana e al flauto da naso hawaiano.


Un momento del Pow wow hawaiano

Il 25 maggio, l'artista Chippewa David Craig ha insegnato ai partecipanti come realizzare un tamburo a mano in cuoio greggio, in perfetto stile nativo americano, mentre Kumu Leilehua Yuen, nativo hawaiano, ha mostrato come creare un tamburo ipu hawaiano utilizzando una zucca. In serata sono stati proiettati i documentari Their Own Dance: Reawakening the Alaskan Alutiiq Arts e Reel Injun, diretti dal regista Cree Neil Diamond. Contestualmente alla proiezione del documentario sugli Alutiiq, il gruppo Kodiak Alutiiq Dancers si è esibito in uno spettacolo di danza tradizionale Alutiiq dal vivo, della durata di 20 minuti.

All'inizio della giornata del 27 maggio, Yuen e Josiah hanno organizzato una Huaka`i ma Kïlauea ("escursione al vulcano") per rendere omaggio all'oceano e a Pele, dea hawaiana dei vulcani. Questa escursione, afferma Liz De Roche, è stata introdotta nella serie di eventi precedenti al pow wow due anni fa, in modo da offrire ai visitatori un altro aspetto della cultura hawaiana che difficilmente avrebbero avuto la possibilità di scoprire in altri contesti. Inoltre, Liz ha aggiunto che la maggior parte dei visitatori di Moku Hawai'i sono interessati a visitare il vulcano. "Partiremo da Moku 'Ola, o l'"Isola della Vita", nella baia di Hilo, celebrando una cerimonia pïkai in preparazione all'escursione", specifica Yuen. "Si tratta di una cerimonia di rigenerazione, che simboleggia la vita che si consuma e si rinnova. Ci purificheremo con le acque dell'oceano, lasciando che trascinino via ogni cosa…e ricominceremo una nuova vita, pronti a dirigerci verso l'entroterra."

Una volta raggiunto il cratere del Kïlauea, il gruppo si è avvicinato al bordo del cratere, l'Halema‘uma‘u, dimora della dea, dove ha condiviso leggende e canti su Pele e ha imparato come realizzare un ho`okupu (un fagotto per le offerte). All'interno dell'ho`okupu, Yuen e Josiah hanno inserito una ghirlanda "lei" di piante e fiori del loro giardino, intrecciata con speranza e pensieri positivi. La ghirlanda "lei" è stata inserita nel fagotto insieme a una manciata di sale votivo di Kauai, raccolto dal nonno di Yuen. Le offerte sacre sono state quindi legate insieme con una foglia di "ti" e lasciate sul bordo del cratere, in omaggio a Pele. Per concludere l'escursione, Yuen e Josiah hanno danzato la hula e cantato, porgendo un ultimo saluto alla divinità. Josiah ha affermato che partecipare al pow wow è stata un'esperienza profonda, spirituale ma anche divertente. "Rispondendo alle continue domande delle altre persone mi sono sentito maggiormente partecipe della mia cultura."


I tamburi scandiscono l’incontro intertribale del Pow wow di Hilo

Uno degli aspetti della cultura hawaiana che Josiah ha approfondito durante il pow wow riguarda il flauto da naso hawaiano, la sua realizzazione e la tecnica per suonarlo. Attraverso la loro amicizia e la condivisione culturale e musicale, Troy e Josiah hanno creato un nuovo genere musicale, che fonde la tradizione della tribù dei Piedi Neri con quella hawaiana, pubblicando di recente un CD di brani per flauto da naso hawaiano e flauto nativo americano.

Sempre il 27 maggio, per concludere gli eventi che hanno preceduto il pow wow, Naomi Billedeaux ha condotto il workshop gratuito di aerobica Rez Moves, con esercizi basati sulle danze del pow wow.

La Federazione dei Nativi Americani ha istituito questo pow wow per celebrare le diverse culture dei 30.000 nativi americani che vivono nello stato delle Hawaii. Secondo Liz De Roche, l'evento è ormai non solo un'occasione di festa per i nativi americani, ma anche un'opportunità per approfondire la conoscenza della cultura nativa americana e della cultura hawaiana per le persone di cultura diversa. "Il nostro obiettivo era quello di essere più fedeli possibile al pow wow tradizionale", ha aggiunto. "Molti abitanti delle Hawaii sono di origini miste – native hawaiane e native americane. Queste persone conoscono la cultura nativa hawaiana, ma non quella delle riserve." Il Pow Wow Intertribale di Hilo è un evento hawaiano assolutamente unico, continua, che rende omaggio ad ogni cultura – nativa americana, nativa hawaiana, europeo-americana, cinese, samoana, giapponese, offrendo ad ogni cultura la possibilità di esprimersi. "Le persone che vivono qui dicono 'Questo è il nostro pow wow.' Il legame profondo che si instaura fra i numerosi partecipanti, così diversi fra di loro, è qualcosa di davvero speciale."



 

Seguici su:

Seguici su Facebook Seguici su Twitter Seguici su YouTube