Leggende e Tradizioni

I gatti nella cultura africana

Stampa E-mail
27 Dicembre 2019
|
Dipinto di Oxana Zaika
Dipinto di Oxana Zaika


8000 anni fa, presumibilmente i gatti iniziarono ad aggirarsi nelle comunità agricole della mezzaluna fertile, oppure stabilirono i loro alloggi in una relazione reciprocamente vantaggiosa, vale a dire come una forza di polizia anti-roditori per gli umani.
Al giorno d'oggi, il gatto occupa un posto importante nelle nostre società, essendo considerato l'animale domestico più popolare in diversi Paesi.

Il gatto nella vita quotidiana
In linea di principio, l'immagine del gatto è positiva in Africa a causa dell'affetto provato dall'uomo.
Al contrario, il gatto è stato demonizzato nell'Africa cristiana durante la maggior parte del Medioevo, ovviamente a causa del suo culto da parte dei pagani e in particolare per il riflesso della luce nei suoi occhi, che è considerato essere le fiamme dell'inferno.
Nel simbolismo medievale, il gatto è associato alla sfortuna e al male, specialmente quando è nero, oltre all'astuzia e alla femminilità. È un animale del diavolo e degli stregoni.
Ciò nonostante, il gatto è un animale comune durante tutto il Medioevo ed è riconosciuto per avere un ruolo protettivo. La sua pelliccia è in quel periodo comunemente usata come un oggetto commerciale.
Il Rinascimento segna un certo ritorno di grazia del gatto, principalmente a causa della sua azione preventiva contro i roditori, divoratori del raccolto.
Anche le grandi scoperte di specie esotiche hanno avuto un ruolo.

Il Re gatto uccide Apophis - Tomba di  Nekhtamon - XIX dinastia
Il Re gatto uccide Apophis - Tomba di Nekhtamon - XIX dinastia

La carne di gatto viene consumata in alcune parti dell'Africa. Queste tradizioni sono tuttavia contestate, ad esempio in alcuni Paesi in cui lo stile di vita degli abitanti tende ad avvicinarsi a quello dei paesi occidentali: i gatti iniziano a essere considerati animali domestici, il loro consumo diventa un tabù alimentare.
È ovvio che i gatti hanno fatto e sono tra quegli animali che ci affascinano e mantengono un ruolo cruciale nelle nostre storie e nelle nostre case. I nostri gatti domestici sono probabilmente i discendenti dei gatti selvatici africani che furono verosimilmente addomesticati per la prima volta in Egitto per la loro utilità come cacciatori di topi.

I gatti nella cultura africana

Ancor prima di diventare un animale domestico apprezzato per la sua morbidezza, grazia e disinvoltura, il gatto è stato considerato un animale protettivo e predatore perché inseguiva i roditori e proteggeva i depositi di grano dove gli egiziani immagazzinavano il loro raccolto, una risorsa vitale per questo popolo agricolo.
Fu con la fine della caccia alle streghe, alla fine del 18° secolo, che il gatto fu reintegrato nel suo posto come animale domestico nella società.

Inizio modulo

Gatto e superstizioni
Il Medioevo (dal 5° al 15° secolo) fu drammatico per la popolazione felina.
Il gatto fu deificato dagli egiziani, in particolare i suoi occhi che riflettevano la luce di notte erano il simbolo del potere di Ra, il dio del sole. Il gatto era anche il rappresentante del demone. Si era arrivati ​​al punto di calzarlo in modo da poterlo sentire di notte per non incontrarlo.
Quando il cristianesimo si affermò come religione di stato, il gatto perse il suo carattere divino, ma le fantasie rimasero nello spirito popolare e il gatto divenne una creatura satanica soprattutto se era nera.

Gatto nero venerato nell'antico Egitto
Gatto nero venerato nell'antico Egitto

Questa tenace superstizione continua ancora oggi. Ancora oggi, si dice che vedere un gatto nero porti sfortuna, soprattutto se viene dalla nostra parte di sinistra.
Il gatto, un animale domestico, è spesso usato da molte famiglie congolesi per danneggiare la vita dei loro vicini nel villaggio. La sua presenza notturna nelle trame vicine prefigura, per le popolazioni superstiziose, la morte certa di uno dei membri della famiglia.
Secondo queste credenze, la persona malata non sopravvive al passaggio del gatto di notte: alcuni gatti imitano il pianto e le grida dei bambini durante il loro passaggio attraverso le trame delle case e il pianto notturno predice la morte di bambini in giovane età.

Il gatto e le tradizioni
Nel XII secolo, alcune credenze affermavano che le streghe si trasformavano in gatti, di notte, e che tornavano dalle finestre o dai camini delle case emettendo ululati spaventosi e aggredendo i bambini.
Molto rapidamente, il gatto diventerà il simbolo di indipendenza, lussuria, infelicità. Lo assoceremo all'immagine di maghi e altri demoni, oggetto di ogni tipo di credenze.
Il gatto, compagno di casa, animale adulato da molte famiglie in altri ambienti, specialmente in Occidente; animali viziati anche da famiglie benestanti nella Repubblica Democratica del Congo, ma nei villaggi la presenza di un gatto in famiglia solleva molti sospetti sui loro proprietari.

I gatti nella cultura africana

Con la crisi economica che colpisce il Paese, la presenza di gatti in una famiglia non solo costituirebbe, si dice, un certo modo di vivere o la ricerca di un compagno a casa, ma anche un mezzo e uno strumento per nuocere a quelli che lo circondano.
Quando una famiglia non può nutrirsi da sola, come può nutrire questi animali? Senza dubbio, per i creduloni, la presenza di tali animali in una casa serve solo a nascondere la stregoneria e danneggiare i vicini.
In quasi tutti i villaggi della Repubblica Democratica del Congo, le persone sono unanimi, nonostante costumi e tribù diverse, nel considerare che la presenza di gatti nelle case serva solo a causare danni al vicinato. Quando un bambino o un membro della famiglia è malato, basta un gatto per irrompere in un complotto affinché la disperazione si impadronisca di tutta la famiglia.
Nei villaggi di Mwenga, nel sud di Kivu, a 100 km dalla città di Bukavu, alcune famiglie si sono organizzate per tagliare gli alberi sui loro appezzamenti o per tappare i passaggi intorno alle loro case per prevenire, invano, i gatti nel fermarsi a lungo nelle loro terre e quindi essere visti facilmente e catturati.
I gatti a quel punto si muovono attorno ai tetti delle case in lamiera zincata e, mentre passano, le famiglie hanno l'impressione che la casa crollerà.

La dea con lineamenti felini
La dea con lineamenti felini

Il loro passaggio fa molto rumore per un animale che pesa appena 3 kg e suscita una forte angoscia nelle famiglie visitate: sembra un uomo sul tetto che danza.
Questo passaggio di gatti causa spesso insonnia nei bambini per intere notti; i bambini possono persino perdere la concentrazione in classe perché hanno trascorso intere notti senza dormire.
Se il passaggio di questi gatti non riesce a causare la morte, come affermano gli abitanti dei villaggi, secondo la credenza popolare sarebbe causa di malattie incomprensibili per molte famiglie, in particolare sordità, donne che non riescono più a concepire, uomini che soffrono di mal di testa senza fine, famiglie i cui bambini si ammalano regolarmente, giovani che impazziscono, famiglie i cui campi non producono più buoni raccolti, membri di famiglie che si fanno a pezzi per storie banali.
Poiché è difficile sapere chi è alla ricerca di chi e chi vuole chi, i sospetti sono costantemente rivolti alle famiglie che possiedono i gatti, che sono spesso accusati di danneggiare coloro che li circondano.

I gatti nella cultura africana

Gli abitanti di alcuni villaggi della Repubblica Democratica del Congo hanno deciso di non considerare i gatti come animali da compagnia, ma come selvaggina da mangiare, al fine di impedire ad alcune persone nel villaggio di continuare a visitare i loro vicini durante la notte e nella maggior parte dei casi i gatti finiscono nei piatti dei residenti del villaggio.
Un modo per gli abitanti del villaggio di limitare il fastidio provocato da quelle persone che danneggiano chi li circonda dando la colpa ai gatti.
Gli abitanti del villaggio pensano che la scomparsa dei gatti nei villaggi porterà alla luce i veri autori dei crimini che impediscono a molte famiglie di trovare pace e tranquillità durante la notte.

La riabilitazione del gatto
Il gatto è sempre stato considerato un animale utile anche se è stato temuto durante tutto il Medioevo. Gli vengono attribuiti poteri soprannaturali, inclusa la capacità di possedere nove vite in alcune parti dell'Africa.
Non solo cattura il topo, ma gli vengono riconosciute altre virtù, a volte soprannaturali:

I gatti nella cultura africana

• L'esorcista e le virtù terapeutiche del gatto
Sebbene nello spirito popolare del Medioevo, il gatto avesse un'immagine piuttosto dannosa, ad esempio indossare la pelliccia di un gatto faceva perdere peso, mangiare il cervelletto di un gatto era inebriante e faceva perdere la ragione, al contrario, il gatto il nero era spesso usato nella farmacopea: secondo il manoscritto dei Kiramides, nel 12° secolo, i testicoli di gatti neri con il sale spazzavano i demoni e un cuore di gatto nero attaccato al braccio sinistro avrebbe intorpidito qualsiasi dolore.
• Il potere del gatto sugli elementi
Nel Medioevo, il gatto nero, se temuto, non è sempre necessariamente dannoso. Ad esempio, i marinai erano soliti far salire a bordo dei gatti sulle loro barche per combattere i topi e avevano un grande rispetto per loro. Se un uomo arrabbiato si permetteva di gettare in mare un gatto, si creava molta angoscia e paura per la collera che avrebbe innescato negli elementi naturali.
Erano anche persuasi che un gatto posto sul ponte, in caso di calma assoluta, potesse aiutare a sollevare i venti.

Il gatto come animale da compagnia
Se le pratiche crudeli verso i gatti sono state perpetuate fino alla metà del XVII secolo, si percepiva già da ben prima un'evoluzione che faceva presagire che le cose sarebbero cambiate. Tanti erano gli spiriti che mostravano più sensibilità verso questi piccoli compagni.
Il gatto appare anche in antichi testi religiosi: avrebbe ricevuto la gratitudine della Vergine Maria per aver riscaldato il bambino Gesù a Betlemme.
I nostri animali domestici ci danno il loro affetto, il loro calore e fanno parte della nostra famiglia. Quando decidiamo di accoglierli, è molto importante capire che è necessario prendersi cura di loro e amarli.
Comunque il simbolismo del gatto è a dir poco ricco e vario a seconda delle culture. Ma in generale, è associato alla femminilità e alle sue capacità di caccia.


Paterne Huston Bushunju, Repubblica Democratica del Congo, è corrispondente dall'Africa


|
 

Seguici su:

Seguici su Facebook Seguici su Twitter Seguici su YouTube